Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Medicina > Pediatri, contro la paura del sisma spiegare cosa succede

Pediatri, contro la paura del sisma spiegare cosa succede

Si moltiplicano iniziative dei medici, anche sostegno on line

28 agosto, 17:39
un momento di divertimento per i bambini di Amatrice dopo il sisma un momento di divertimento per i bambini di Amatrice dopo il sisma

Ora si comincia a guardare al futuro e i bambini sono il primo pensiero: dopo la primissima emergenza i pediatri di tutte le associazioni che si erano messi subito a disposizione, a partire dai pediatri di famiglia della Fimp, parlano dei problemi che potranno venire dopo, come il terribile stress post traumatico, capace di lasciare tracce indelebili per tutta la vita. Anche la SIMPe (Società Italiana Medici Pediatri) si è immediatamente mobilitata per portare aiuto e assistenza alle popolazioni dell'Italia Centrale colpite dal sisma del 24 agosto. Pediatri emergentisti formati dalla SIMPe, dotati di tutte le competenze necessarie per gestire le grandi catastrofi, sono giunti sul luogo della tragedia poche ore dopo la prima scossa di terremoto. Inoltre la Società ha attivato un canale online sul sito www.simpe.it al quale possono rivolgersi i genitori che non sanno "come" spiegare il terremoto ai figli.

Cosa ci dicono gli occhi di un bambino che vive il terrore della terra che trema, come reagiscono i bambini nel timore della prossima scossa sismica, cosa colgono davanti alle immagini in tv che sottolineano l'aumento del numero delle vittime, sono tutte domande cui è molto difficile dare risposta. "Il terremoto - spiega il presidente Simpe, Giuseppe Mele - è un evento che destabilizza profondamente, e può avere effetti devastanti, anche a lungo termine. Il trauma che ne deriva viene covato e può provocare un bisogno di isolamento, di chiusura verso il mondo e verso la realtà, come è accaduto alla piccola Giorgia, che, tratta in salvo dopo 17 ore, si è chiusa in un mutismo per uscire dal quale avrà bisogno di amorevole assistenza. Questi traumi, infatti, possono durare nel tempo e lasciare segni indelebili. Per questo occorre intervenire tempestivamente, per tentare un recupero ed il rafforzamento della voglia di vivere e di rinascere." Per andare "oltre" la tragedia, la SIMPe ha attivato un canale diretto attraverso il sito www.simpe.it a cui mamme e papà potranno rivolgersi per cercare le risposte ai loro quesiti, a quelle dei loro bambini e degli adolescenti che in queste occasioni manifestano un coraggio inatteso ed hanno delle reazioni più adattive degli adulti. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA