Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Medicina > Fecondazione: cade divieto per coppie fertili con patologie

Fecondazione: cade divieto per coppie fertili con patologie

Decisione Consulta, via libera anche diagnosi pre-impianto

14 maggio, 19:34
Fecondazione: cade divieto coppie fertili con patologie Fecondazione: cade divieto coppie fertili con patologie

ROMA - Cade il divieto di accesso alle tecniche di procreazione medicalmente assistita per le coppie fertili portatrici di patologie genetiche: la Corte Costituzionale ha dichiarato l'illegittimità di questa norma della legge 40 e del divieto di accedere alla diagnosi pre-impianto.

 

"Esprimo gioia e soddisfazione: ci aspettavamo una sentenza in tal senso, che rispettasse i diritti delle coppie che chiedono l'accesso ai trattamenti sanitari affinché siano rispettati diritto alla salute e principio di uguaglianza". Lo dichiara Filomena Gallo, uno degli avvocati delle coppie coinvolte. "Ora - aggiunge - attendiamo le motivazioni della sentenza".

 

Un anno fa la Corte Costituzionale ha ricevuto il ricorso per decidere sulla questione.

 

Le due giovani coppie da cui la causa ha preso le mosse, grazie al Tribunale di Roma che si e' appellato alla Consulta, hanno vissuto storie difficili: per una il problema e' una malattia che produce una malformazione incompatibile con la vita e per questo la donna ha subito 5 aborti di cui 4 spontanei. Per l'altra, la patologia e' la distrofia di Becker e anche qui c'e' stata un'interruzione di gravidanza. La legge in vigore, infatti, paradossalmente mette a rischio la salute della donna e la espone all'aborto.

 

In Italia sono oltre duemila l'anno le coppie fertili portatrici di malattie genetiche, dalla talassemia alla fibrosi cistica, che non possono accedere all'analisi che permetterebbe loro di avere un figlio sano a causa della legge 40. La stima e' stata presentata lo scorso febbraio durante il convegno 'The new era of Pgs application' organizzato a Roma dal centro di Pma Genera e Bioroma.

 

Nei giorni scorsi i membri del partito Radicale, Marco Pannella e Rita Bernardini, avevano ipotizzato che dietro questo ritardo nel prendere una decisione da parte della Consula potessero esserci ''giochi di palazzo: barricate clericali in trincea per far valere principi ideologici oppure il tentativo di non mettere in imbarazzo un Governo e un Parlamento indifferenti fino ad ora alle liberta' civili e al diritto alla salute dei cittadini''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA