Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Medicina > Morbillo: nel 2013 ha ucciso più bimbi di Hiv e incidenti

Morbillo: nel 2013 ha ucciso più bimbi di Hiv e incidenti

Secondo dati Global Burden of Diseases i morti sono stati 82mila

02 marzo, 16:20

Il morbillo è considerato una malattia poco pericolosa, eppure nel 2013 ha ucciso nel mondo più bambini sotto i 5 anni dell'Hiv e degli incidenti stradali.

Lo afferma una elaborazione pubblicata dal Washington Post sui dati del Global Burden of Diseases pubblicato pochi mesi fa da Lancet, che ha calcolato un tributo da questa malattia per il solo 2013 di oltre 82mila morti.

Secondo l'elaborazione il morbillo è la settima causa di morte globale sotto i cinque anni, preceduta solo da infezioni respiratorie, malaria, diarrea, carenze nutrizionali, difetti congeniti e meningite. I bambini sotto i 5 anni contano per metà dei morti totali per questa malattia, che in alcune aree del mondo raggiunge il 10% di mortalità, anche se di recente anche a Berlino si è registrata una vittima. Le cifre potrebbero essere abbassate molto, spiega l'elaborazione, con un maggior utilizzo dei vaccini, anche se nei paesi occidentali si assiste a un 'rilassamento' dovuto proprio alla mancanza di casi gravi che è frutto proprio dell'efficacia delle immunizzazioni. E' il caso degli Usa, alle prese con un'epidemia originata probabilmente da un caso a Disneyland. ''Vaccinare un bambino costa circa un dollaro - sottolinea l'articolo - ma un singolo caso negli Usa ne costa 11mila di trattamenti''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA