Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Medicina > Stimolazione elettrica spina dorsale cura sintomi Parkinson

Stimolazione elettrica spina dorsale cura sintomi Parkinson

Esperimenti su topi, terapia rallenta decorso malattia

23 gennaio, 14:38
(ANSA) - ROMA, 23 GEN - La stimolazione elettrica non invasiva del midollo spinale somministrata per parecchie settimane può attenuare i sintomi del morbo di Parkinson e forse rallentare il decorso della malattia.

Lo rivela uno studio condotto su topolini pubblicato sulla rivista Scientific Reports dal team di Miguel Nicolelis della Duke University School of Medicine presso Durham.

Gli esperti avevano dimostrato qualche anno fa in uno studio su Science che stimolando per un breve tempo il midollo spinale di cavie in modo non invasivo si possono attenuare i sintomi acuti del morbo di Parkinson, malattia neurodegenerativa che compromette i movimenti e l'equilibrio con morte progressiva dei neuroni dopaminergici che coadiuvano a queste funzioni rilasciando il neurotrasmettitore dopamina.

In questo nuovo studio i ricercatori Usa hanno dimostrato che una stimolazione elettrica non invasiva somministrata giornalmente per sei settimane (con diverse sessioni di terapia non invasiva attraverso degli elettrodi piazzati in corrispondenza del midollo spinale) attenua i sintomi della patologia in topolini modello sperimentale del morbo di Parkinson. Inoltre i roditori trattati presentano minori danni a livello neurale, segno che questa stimolazione rallenta il decorso progressivo della malattia.

Oggi esistono già e sono già in uso clinico per il trattamento del dolore cronico degli stimolatori non invasivi che si applicano al midollo spinale; lo studio sui topi potrebbe quindi in futuro tradursi in una sperimentazione clinica su pazienti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA