Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Medicina > Autismo, via a raccolta fondi per rompere muro silenzio

Autismo, via a raccolta fondi per rompere muro silenzio

Una rete per ricerca delle cause e un test per diagnosi precoce

08 maggio, 12:33
autismo, via a raccolta fondi autismo, via a raccolta fondi

(ANSA) - ROMA, 7 MAG - Una campagna di raccolta fondi per provare a rompere un muro di silenzio che angoscia molte famiglie, quello dell'autismo. A promuoverla , dal 20 maggio fino al primo giugno, e' l'Associazione'Amici dell'Universita' Campus Bio-Medico' Onlus. Mandando un sms o telefonando da rete fissa (ma solo da questa data) al numero solidale 45502 sara' possibile donare due o cinque euro, che permetteranno i progressi nella ricerca, in particolare quelli ottenuti dal Laboratorio clinico e di ricerca per la genomica avanzata del Centro 'Mafalda Luce', che operera' dalla seconda meta' del 2013 in stretto raccordo con il Laboratorio di Psichiatria Molecolare e Neurogenetica dell'Universita' Campus Bio-Medico di Roma.

Le nuove speranze di cura per l'autismo, come ricorda il professor Antonio Persico, neuropsichiatra infantile, risiedono nell'identificazione di cause genetiche, ma non solo. ''Il fattore preponderante all'origine dell'autismo - spiega Persico - e' senz'altro quello genetico, ma sono stati anche individuati fattori ambientali che possono causare da soli la malattia se l'esposizione avviene in epoca prenatale, come alcune infezioni virali o l'esposizione a farmaci anti-epilettici nel primo e nel secondo trimestre di gravidanza''.

I ricercatori sono al lavoro anche per trovare un test che permetta di scoprire gia' alla nascita se un bambino e' a rischio di sviluppare il disturbo autistico in moda da agire gia' nei primissimi mesi di vita per sostenere il suo sviluppo. ''Oggi - conclude Persico - sappiamo individuare l'origine dell'autismo in almeno il 20% dei casi. Questa percentuale sta aumentando molto, grazie alle nuove tecnologie genomiche, che rappresentano il pre-requisito fondamentale per poter strutturare nuove terapie molecolari personalizzate, con le quali tra alcuni anni saremo in grado di curare in modo risolutivo l'autismo nel singolo paziente''. Da qui la necessita' di proseguire nella ricerca, alla quale ciascuno potra' dare il proprio contributo partecipando alla raccolta fondi, a cui sara' data visibilita' con uno spot televisivo che avra' come protagonista la presentatrice Eleonora Daniele.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA