Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Medicina > Epidemia di calvizie al femminile, fra le cause l'ambiente

Epidemia di calvizie al femminile, fra le cause l'ambiente

Interessa anche sopracciglia e peli del corpo

10 maggio, 20:03
(ANSA) - ROMA, 10 MAG - Al dipartimento di dermatologia della universita' di Miami, la specialista Antonella Tosti sta lavorando con le cellule staminali dei follicoli piliferi per indagare le cause e le terapie di una nuova forma di alopecia femminile.

"Stiamo lavoriamo su cellule staminali e su modelli animali per una nuova forma di alopecia che ha la portata di una epidemia nel mondo. Ne soffrono molto i cinesi, i sudafricani ma anche gli americani e gli europei, Italia inclusa. Si tratta della alopecia fibrosante frontale, o frontal fibrosing alopecia, un' alopecia cicatriziale che provoca una progressiva recessione dell'attaccatura dei capelli ma anche la caduta delle sopracciglia e i peli corporei. Colpisce soprattutto le donne in menopausa e stiamo osservando correlazioni fra ambiente e alimentazione. La diossina, composto tossico che persiste nell'ambiente, potrebbe essere una delle cause. Si riscontra, infine, anche dopo procedure estetiche, come il lifting. La terapia impiegata in questo momento per frenarla e' la somministrazione di un farmaco per la cura del diabete ma stiamo cercando altre soluzioni", conclude l'esperta che di ricerca e terapie innovative per i capelli discute in questi giorni a Capri, in occasione del congresso internazionale 'Hair-nail and antiaging", con il patrocinio dell'Associazione donne dermatologhe Italia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA