Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Medicina > Malaria: ceppi resistenti anche a ultimo farmaco

Malaria: ceppi resistenti anche a ultimo farmaco

Casi di resistenza sono passati da 6 a 200 ogni mille infezioni

05 aprile, 19:50
(ANSA) - WASHINGTON, 5 APR - Anche l'ultimo ritrovato contro la malaria, l'artemisinina, sta perdendo efficacia, cosi' come e' successo a quelli che l'hanno preceduto. Lo affermano due studi, uno pubblicato su Lancet e uno su Science, secondo cui un ceppo resistente sta emergendo ai confini tra Birmania e Thailandia.

La ricerca coordinata dal Texas Biomedical Research Institute ha esaminato oltre 3200 pazienti tra il 2001 e il 2010, misurando il tempo impiegato dal farmaco a dimezzare il numero di parassiti nel sangue. La cosiddetta 'clearance' e' passata da 2,6 ore nel 2001 a 3,7 alla fine del periodo studiato, mentre i casi di resistenza sono passati da 6 a 200 ogni mille infezioni. Lo studio ha comunque avuto anche un risvolto positivo, poiche' analizzando il genoma dei parassiti resistenti i ricercatori sono riusciti a individuare la zona del Dna dove si annidano le mutazioni che danno resistenza: "Mappare la diffusione della resistenza puo' essere particolarmente difficile, ma identificando i determinanti genetici potremo confermare i casi di malaria resistente molto piu' velocemente, fermandone la propagazione - spiega Tim Anderson, uno degli autori - una volta capiti i geni precisi coinvolti, inoltre, sara' possibile capire il meccanismo alla base di questo fenomeno".

Nel 2010, ricorda il World Malaria Report, la malattia ha ucciso 655 mila persone, principalmente bambini e donne in gravidanza".

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati