Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Medicina > Ansia affina il fiuto, in primis per odori cattivi

Ansia affina il fiuto, in primis per odori cattivi

Sensi allertati per percepire i pericoli

23 marzo, 13:44
PIERCING AL NASO ROVINA VISO A UNA QUATTORDICENNE DI NAPOLI [ARCHIVE MATERIAL 20050608 ] PIERCING AL NASO ROVINA VISO A UNA QUATTORDICENNE DI NAPOLI [ARCHIVE MATERIAL 20050608 ]

L'ansia affina l'olfatto e le persone di indole ansiosa o con disturbi d'ansia hanno un ''fiuto'' piu' sviluppato per i 'pericoli' (veicolati da odori sgradevoli come ad esempio il gas); probabilmente si tratta di una capacita' avita per difendersi dai rischi e fuggire una possibile minaccia.

Infatti una ricerca pubblicata sulla rivista Chemosensory Perception da Elizabeth Krusemark e Wen Li della University of Wisconsin-Madison mostra che al crescere dei livelli di ansia di un individuo aumenta la sua capacita' di sentire un odore nell'ambiente circostante.

I ricercatori hanno coinvolto 14 individui e misurato i loro livelli d'ansia sia con questionari ad hoc, sia con misure fisiologiche 'oggettive' come la capacita' della loro pelle di condurre corrente e la frequenza del respiro, nonche' 'osservando' con la risonanza magnetica il loro stato di ansia nel cervello. Mentre erano nella risonanza magnetica agli individui venivano presentate diverse tipologie di odori, da profumi gradevoli o neutri a mix di odori fino ad emanazioni sgradevoli. I ricercatori hanno chiesto loro di individuare la presenza o meno di un odore. E' emerso un chiaro legame tra i livelli di ansia misurati nei soggetti e la loro capacita' di discernere la presenza di un odore, soprattutto quando si tratta di un odore sgradevole.

Probabilmente il nostro naso ha ereditato dagli antenati questo fiuto per gli odori sgradevoli per sfuggire alle minacce potenziali nell'ambiente di cui l'odore e' un avvertimento.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati