Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Alimentazione > In Italia poco sale iodato, legge rafforzata con multe

In Italia poco sale iodato, legge rafforzata con multe

07 dicembre, 10:18
(ANSA) - ROMA, 7 DIC - La legge che dal 2005 incentiva la vendita di sale iodato nella grande distribuzione verrà rafforzata nelle prossime settimane da un disegno di legge delega che tra le altre cose introduce delle sanzioni per chi non rispetta le prescrizioni. Lo hanno affermato gli esperti della Associazione Italiana Tiroide (Ait) durante il loro congresso che si chiude oggi a Roma.

Secondo i dati presentati dall'osservatorio istituito dall'Istituto Superiore di Sanità la percentuale di sale iodato utilizzato dalle famiglie italiane nel 2013 si ferma al 54%, ben lontano dal 95% raccomandato dall'Oms e raggiunto da diversi paesi europei, dall'Austria alla Svizzera. Questo si traduce in un'incidenza ancora alta di gozzo e delle altre malattie tiroidee dovute alla carenza di iodio.

''Proprio la ristorazione collettiva, comprese mense e tavole calde, è la principale destinataria del rafforzamento della legge, che è contenuto in un disegno di legge delega che dovrebbe essere approvato a breve dal Consiglio dei Ministri - spiega Alfredo Pontecorvi, endocrinologo dell'Università Cattolica di ROma -. Il provvedimento conterrà l'obbligo per queste categorie di usare il sale iodato, così come quello per la grande distribuzione di esporre manifesti che spieghino i vantaggi dall'uso del sale. Per la prima volta sono previste sanzioni fino a seimila euro''.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA