Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Alimentazione > Ecco la dieta dei marinai dell'ammiraglio Nelson

Ecco la dieta dei marinai dell'ammiraglio Nelson

Carne secca, gallette e birra; analisi grazie a studio ossa

23 marzo, 18:53
(ANSA) - MILANO, 23 MAR - Carne essiccata di maiale, merluzzo sotto sale, gallette, formaggio e birra: ecco cosa prevedeva l'austera dieta imposta ai marinai arruolati nella marina britannica ai tempi dell'ammiraglio Nelson, a cavallo tra Settecento e Ottocento. Lo dimostra la composizione chimica delle loro stesse ossa, analizzata dai ricercatori dell'universita' di Oxford e pubblicata sulla rivista American Journal of Physical Anthropology.

I ricercatori guidati dall'archeologo Mark Pollard hanno analizzato le ossa di 80 marinai che prestarono servizio tra il XVIII e il XIX secolo e che vennero sepolti a Plymouth e Portsmouth nei cimiteri del Royal Naval Hospital. ''L'analisi degli isotopi del collagene contenuto nelle ossa ci ha permesso di ricostruire la loro dieta'', spiega Pollard. ''Confrontando questi dati con le prove documentali - aggiunge - possiamo ora ricostruire la vita nella flotta di Nelson in maniera piu' accurata''.

Alla fine del XVIII secolo, la marina militare britannica contava all'incirca 70mila uomini: sfamarli tutti una volta a bordo era una vera sfida dal punto di vista logistico, che imponeva una dieta strettamente controllata fatta di alimenti come gallette, formaggio, carne di maiale essiccata, merluzzo sotto sale e birra. Le analisi degli archeologi confermano che la dieta seguita da questi uomini era proprio quella indicata nei documenti dell'epoca come manifesti e diari di bordo. I risultati dimostrano inoltre che l'alimentazione era sempre la stessa, sia che i marinai avessero prestato servizio nelle acque britanniche, nei Caraibi o nel Mediterraneo.

I ricercatori hanno infine messo a confronto questi dati con quelli relativi a 18 uomini che quasi due secoli prima avevano prestato servizio sulla nave ammiraglia Mary Rose, affondata nel 1545 poco lontano dal porto di Portsmouth. E' stato cosi' possibile scoprire che l'alimentazione a bordo era rimasta praticamente invariata nell'arco di 200 anni.(ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati