Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Oncologia > Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena” di Roma

Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena” di Roma

15 luglio, 18:05
Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena” di Roma Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena” di Roma

L'Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena” di Roma (Ire) è struttura di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) dal 1939. Opera nella aree più avanzate della ricerca clinica occupandosi della cura delle patologie tumorali a più elevata incidenza e a più alto impatto sociale fin dal 1933.

 

Le attivita'

 

Inserite in progetti nazionali ed internazionali, le sue attività hanno come obiettivi principali la ricerca nei settori dell'epidemiologia, dell'eziologia dei tumori, della trasformazione e progressione neoplastica e delle terapie sperimentali. L'Ire svolge inoltre attività di ricerca applicata nella diagnostica biomolecolare e strumentale, in epidemiologia e diagnostica precoce e attua protocolli standard o innovativi per il trattamento e la riabilitazione del paziente oncologico. Membro dell'Union International Contre le Cancer, della European Organization of Cancer Institutes e della European Organization for Research and Treatment of Cancer, l'istituto è anche il centro di riferimento dell'Oms per l'endoscopia digestiva e il cancro dello stomaco. Fin dal 1962 il Servizio di Epidemiologia dell'Ire coordina e dirige il Registro Tumori della popolazione della Provincia di Latina, l'unico Registro Tumori nell'Italia Centro-meridionale.

 

L'organizzazione

 

Dal punto di vista amministrativo l'Ire è gestito dall'Ente di diritto pubblico “Istituti Fisioterapici Ospitalieri” (Ifo), che gestisce anche l'Istituto San Gallicano, specializzato in dermatologia. L'organizzazione è di tipo interdipartimentale: più competenze appartenenti a diversi settori diagnostico-terapeutici per un approccio multidisciplinare. L'area di ricerca sperimentale si occupa dello studio di oncogeni, dei geni soppressori dei tumori, di terapia genica, farmaci biologici (anche detti ‘intelligenti'), immunologia e dei fenomeni di resistenza alla chemioterapia. Nell'ambito delle tecniche chirurgiche l'Istituto è impegnato nell'ottimizzare l'impiego dell'ipertermia nel controllo della crescita neoplastica (melanomi, sarcomi) e della radioterapia intraoperatoria (Iort). I modelli di assistenza innovativi presenti all'IRE sono l'attività preventiva, le attività di assistenza domiciliare, la terapia del dolore e le cure palliative.

 

Tutti i numeri dell'Ire

 

L'Ire effettua oltre un milione di prestazioni ambulatoriali all'anno, mentre registra oltre 10.000 ricoveri di tipo medico e chirurgico. Il 16 % dei pazienti ricoverati e il 9% degli assistiti a livello ambulatoriale proviene da fuori regione o dall'estero. Il personale è composto da 458 tra infermieri e tecnici sanitari, mentre il numero di dirigenti medici è di 212, cui si aggiungono biologi, chimici, fisici, psicologi ricercatori e contrattisti. Nel 2010 ha ottenuto per la ricerca dal Ministero della Salute finanziamenti pari a 6.186.377,96 euro.

 

Direttore Scientifico: prof.ssa Paola Muti

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati