DIRETTA MONDIALI

Risultato finale
Francia 4
2 Croazia

Ozil, polemica politica in Germania

Ha dato addio a nazionale,ministra 'allarme se c'entra razzismo'

Redazione ANSA BERLINO

L'addio alla nazionale del calciatore turco-tedesco, Mesut Ozil, ha scatenato una polemica politica, rilanciando il dibattito su razzismo e integrazione dei giovani con origini straniere in Germania. "La cancelliera stima molto Mesut Ozil come giocatore e ha apprezzato le sue prestazioni nella nazionale di calcio. Detto questo, le sue decisioni devono essere rispettate e non commentiamo le sue dichiarazioni", ha detto la portavoce della cancelliera Ulrike Demmer nella consueta conferenza stampa di governo. "La Germania è un paese aperto al mondo e lo sport ha un ruolo importante nell'integrazione", ha continuato la portavoce. La ministra tedesca della Giustizia, Katarina Barley, ha twittato: "E' un segno di allarme quando un grande calciatore tedesco come Mesut Ozil non vuole più giocare nel suo paese per il razzismo e non si sente più rappresentato dalla Lega calcio tedesca (Dfb)". Ozil aveva reso noto ieri un documento nel quale spiegava le ragioni del suo addio: "Ho due cuori, uno tedesco e uno turco" e "per me avere una foto con il presidente non aveva a che fare con la politica o con le elezioni, era per me un segno di rispetto verso l'ufficio più alto del paese di provenienza della mia famiglia". "Alcuni giornali tedeschi stanno usando il mio background e le foto con il presidente Erdogan per una campagna di destra e per la loro causa politica" e "hanno cercato di mettere un'intera nazione contro di me"
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA