Strage vicini per posto auto, ergastolo

Dalla strage a Cursi si salvò per miracolo solo madre

(ANSA) - LECCE, 19 GIU - Il gup di Lecce Simona Panzera ha condannato all'ergastolo Roberto Pappadà, il 58 enne che la sera dello scorso 29 settembre a Cursi per dissidi legati al parcheggio dell'auto davanti casa, uccise a colpi di pistola tre vicini di casa, Andrea Marti, 36 anni, suo padre Francesco Antonio di 63 e la zia Maria Assunta Quarta di 55 anni.
    Dalla strage si salvò per miracolo solo la madre di Andrea Marti, Fernanda Quarta che colpita di striscio riuscì a scappare. Il processo si è svolto con rito abbreviato. L'uomo è stato riconosciuto colpevole di triplice omicidio volontario aggravato dai futili motivi e dalla premeditazione, tentato omicidio, detenzione e porto di arma da fuoco e ricettazione.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere