Prostitute adescate portate con barconi

Coinvolti donna nigeriana con marito e figlia. Anche riti voodoo

(ANSA) - MILANO, 10 LUG - Una nigeriana di 44 anni è stata arrestata dai carabinieri del Comando provinciale di Milano per la riduzione in schiavitù e lo sfruttamento della prostituzione di due connazionali adescate a Benin City (Nigeria) e convinte a trasferirsi a Milano per gestire un negozio. Dopo aver attraversato il deserto fino alla Libia e il mar Mediterraneo su un barcone, però, le due donne sono state costrette a prostituirsi con l'aiuto del marito di 48 anni e della figlia di 25, entrambi denunciati a vario titolo.
    L'organizzazione famigliare era riuscita a schiacciare la volontà delle vittime grazie al "juju" tipico di quell'area, un rito voodoo emerso in molte indagini sulla prostituzione nigeriana. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere