Uranio: Osservatorio, ancora un morto

Caporalmaggiore quarantenne,aveva partecipato a diverse missioni

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - Ancora un militare morto per un carcinoma dopo avere partecipato a missioni all'estero ed essere stato esposto all'uranio impoverito. Si chiamava Giuseppe De Biasi, caporal maggiore dell'Esercito, era nato nel 1977 in provincia di Taranto ed era stato nei paracadutisti e nei bersaglieri in Bosnia (1999), Kosovo (2003), Afghanistan (2009-2010) e Libano (2012). Lo comunica Domenico Leggiero dell'Osservatorio Militare.
    "Tanto per cambiare - lamenta Leggiero - anche Giuseppe, per il ministero della Difesa, non farà parte di quei militari ammalati e deceduti in servizio e per cause di servizio. Anche Giuseppe, come la maggior parte dei suoi colleghi che lo hanno preceduto, al momento della malattia viene abbandonato e lasciato al proprio destino, avendo ben cura di non conteggiarlo tra i casi riportati dall'Osservatorio epidemiologico della Difesa, smascherato però dai lavori della IV Commissione parlamentare d'inchiesta presieduta dall'on. Giampiero Scanu".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere