Bomba uccise 27enne,30 anni per mandante

L'ordigno venne piazzato in sala giochi Altamura il 5/3/2015

(ANSA) - BARI, 14 MAG - La Corte di Assise di Bari ha condannato alle pene di 30 anni e di 18 anni di reclusione i due imputati nel processo sulla morte del calciatore 27enne Domenico Martimucci, deceduto dopo quasi 5 mesi di coma per le ferite causate dall'esplosione provocata da un ordigno rudimentale piazzato il 5 marzo 2015 in una sala giochi di Altamura. In particolare il boss Mario D'Ambrosio, fratello del defunto capo clan Bartolo, ritenuto il mandante dell'attentato e attualmente in carcere, è stato condannato alla pena di 30 anni (l'accusa aveva chiesto l'ergastolo). Il 24enne Luciano Forte che - stando alle indagini dei Cc coordinate dai pm Antimafia Renato Nitti e Giuseppe Gatti - accompagnò il sicario sul luogo della strage (attualmente agli arresti domiciliari), è stato condannato a 18 anni di reclusione. Durante la lettura della sentenza, oltre a familiari e amici della vittima, era presente in aula il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, secondo cui "è stata fatta giustizia di un evento gravissimo".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere