Puglia, si dimette l'assessore indagato

Caracciolo è candidato alla Camera. Emiliano, chiarirà dubbi

L'assessore all'Ambiente della Regione Puglia, Filippo Caracciolo, indagato per corruzione e turbativa d'asta, ha comunicato al governatore Michele Emiliano, la sua decisione di rimettere le deleghe. Caracciolo è candidato del Pd alla Camera. "Tale decisione - informa una nota - è motivata esclusivamente dall'intento di tutelare l'amministrazione regionale e di consentire una serena prosecuzione delle indagini". Emiliano ha assegnato le deleghe di Caracciolo all'assessore al Bilancio, Raffaele Piemontese.

Il governatore esprime la sua "personale fiducia sul fatto" che Caracciolo "chiarirà completamente ogni dubbio sollevato dall'Autorità giudiziaria sulla sua condotta". "La cultura istituzionale e politica della quale Caracciolo è portatore - aggiunge - lo ha indotto a tutelare le istituzioni che rappresenta prima di ogni altra cosa. E non posso che apprezzare questo gesto che contribuisce a consentire una, mi auguro, rapida conclusione delle indagini senza turbare la regolare attività della giunta".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere