Vento di soave, inquinamento brindisino

Passa a Italiana Doc il documentario di Corrado Punzi

(ANSA) TORINO 26 NOV - Un'ispirazione dantesca, almeno per il titolo, in 'Vento di Soave' del 38enne regista e sociologo pugliese Corrado Punzi, passato oggi al Torino Film Festival nella sezione Italiana Doc, che racconta storie di ostinata opposizione al gigante industriale, fonte di lavoro, ma anche di inquinamento. I giganti in questione sono le Centrali della zona industriale brindisina: il petrolchimico Eni e la centrale a carbone Enel, situata a Cerano. Il regista osserva da vicino, e per la prima volta anche da dentro, quello che succede. E questo per raccontare un problema cruciale dei nostri giorni: il conflitto moderno tra progresso e danni ambientali e sociosanitari.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere