• Anziano ucciso, fermati 2 minorenni: 'Lo abbiamo fatto per scherzo'

Anziano ucciso, fermati 2 minorenni: 'Lo abbiamo fatto per scherzo'

Il più grande dei due ha confessato di aver spinto entrambi gli anziani dagli scogli

l 17enne in stato di fermo per l'omicidio di Giuseppe Dibello e il tentato omicidio di Gesumino Aversa ha confessato di essere stato lui a spingere entrambi gli anziani dagli scogli. Emerge dagli interrogatori resi questa mattina nell'istituto minorile Fornelli di Bari dinanzi al gip del Tribunale per i Minorenni chiamato a convalidare i fermi. Il suo difensore, l'avvocato Giuseppe Sardano, ha chiesto l'attenuazione della misura cautelare con concessione degli arresti domiciliari.

I minorenni a passeggio sulla scogliera IL VIDEO

Agli atti dell'indagine c'è anche una relazione degli educatori dell'istituto Fornelli con i quali il 17enne ha avuto un colloquio e i cui contenuti sono stati oggi ribaditi dinanzi al giudice. Il 15enne indagato insieme al 17enne, difeso dall'avvocato Giuseppe Carbonara, avrebbe confermato quanto già emerso dalle intercettazioni ambientali: di essere stato cioè presente ma di non aver materialmente fatto nulla, negando di aver seguito i due anziani per rapinarli.

I due minorenni avrebbero raggiunto quel tratto di spiaggia per prendere il sole, non per seguire i due anziani. È quanto avrebbero spiegato nell'interrogatorio di convalida, ammettendo che uno dei due - il 17enne - avrebbe spinto dagli scogli per uno scherzo Giuseppe Dibello e Gesumino Aversa, causando la morte del primo. Il gip del Tribunale per i Minorenni, Riccardo Leonetti, si è riservato di decidere

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere