Respinto attacco Anonymous a sito Regione Puglia

Pagine web inaccessibile per alcune ore, ma nessun danno

Il sito istituzionale della Regione Puglia è stato attaccato da Anonymous nella notte tra sabato e domenica scorsi, ma gli autori dell'attacco - spiegano dalla Regione - non sono riusciti ad accedere ai server. L'attacco è stato quindi respinto e non sono stati provocati danni al database, anche se il sito è stato per alcune ore inaccessibile.
    'Ops... abbiamo cliccato su 'delete database' #Lulz Sorry regione.puglia.it #Death', ha scritto Anonymous sul suo blog.

Anonymous sul suo portale spiega che l'attacco al sito della Regione Puglia rientra nella rivendicazione per una poltica energetica che rispetti l'ambiente (#OperationGreenRights), e punta il dito contro il gasdotto Tap (Trans Adriatic pipeline), che porterà metano dall'Azerbaijan all'Italia, approdando su una spiaggia del Salento, a Melendugno (Lecce), tra molte polemiche degli ambientalisti. Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha chiesto al governo di spostare l'approdo a Brindisi. "Anonymous & LulzSec - si legge nella firma dell'articolo in cui si spiega l'attacco al sito dell'ente - rivendicano il loro No alla costruzione del gasdotto in Puglia".

"Se nell'Adriatico troviamo le petroliere - scrive Anonymous - nel Mediterraneo il nostro Governo, agevolato da una mancanza politica nel territorio (Brindisi e dintorni), insieme a quello russo, si è prestato ad iniziare una installazione di tubi lunga km fin alla Russia per il trasporto di Gas". Anonymous esorta poi "i cittadini della zona a mobilitarsi per prevenire una distruzione del paesaggio Pugliese, a dire No al Governo e a scegliere per la propria regione quali politiche adottare e quali infrastrutture adoperare". Gli hacher parlano poi delle trivellazioni e dicono che "sul piano petrolifero il nostro Governo si cimenta a stuprare risorse naturali limitate e a distruggere luoghi e faune che rendono il nostro pianeta unico nel sistema solare". "Basta - concludono - distruggere il mare già turbato dalle vostre petroliere e dalle imbarcazioni".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere