• Crollo in una scuola elementare a Ostuni, edificio sotto sequestro, bimbi a casa

Crollo in una scuola elementare a Ostuni, edificio sotto sequestro, bimbi a casa

Il soffitto di un'aula ha ceduto durante le lezioni. Ristrutturata di recente

Non è suonata stamani la consueta campanella alla scuola elementare "Enrico Pessina" di Ostuni (Brindisi), l'istituto in cui ieri si è verificato il crollo di un pezzo di intonaco dal soffitto che ha ferito due bambini e una maestra che è caduta, fratturandosi una gamba mentre prestava soccorso ai piccoli. I 687 scolari che frequentano la scuola sono rimasti a casa dopo che è stato disposto il sequestro dell'intero edificio che era stato comunque chiuso su ordinanza dal sindaco di Ostuni appena dopo i fatti.

Poliziotti e vigili del fuoco, fino alla tarda serata di ieri, hanno ascoltato i testimoni dopo aver acquisito tutta la documentazione sull'appalto da un milione e quattrocentomila euro per il rifacimento del Pessina, chiuso nel 2010 proprio per lavori di ristrutturazione e riaperto nel gennaio scorso, dopo le vacanze natalizie. Il sindaco di Ostuni, Gianfranco Coppola, con l'amministrazione comunale è ora al lavoro per la ricerca di una collocazione ai bimbi, 462 delle elementari e 225 della scuola primaria, che da ieri non possono più utilizzare le loro aule. Riunioni in Comune sono previste questa mattina mentre nel pomeriggio, alle 16, è in programma la visita alla scuola del sottosegretario all'Istruzione Davide Faraone.

Nella vicenda sul crollo in una scuola di Ostuni di un pezzo di intonaco dal soffitto che ha ferito due alunni e una maestra "ci sono responsabilità oggettive. I responsabili una volta individuati vanno puniti e mandati a casa". Lo ha detto Davide Faraone, sottosegretario all'istruzione, in un'intervista al Gr3-RadioRai. "E' intollerabile e in qualificabile - ha precisato - il fatto che questa scuola era stata consegnata appena a gennaio e che qualche settimana dopo crolli il soffitto. Ci sarà assolutamente un responsabile che va accertato e punito. Per quel che riguarda il ministero della Pubblica Istruzione accerteremo le responsabilità, dopo di che starà anche alla magistratura individuare i responsabili, perché ci sono comunque persone che hanno firmato e che hanno preso delle responsabilità rispetto ad atti che dovevano essere fatti".

Per Faraone, sarebbe necessario che i lavori nelle scuole siano "accelerati. Noi abbiamo messo in campo una serie di azioni che sburocratizzano le attività che devono svolgere le scuole. C'è un sistema per valutare le responsabilità, il problema è che i responsabili una volta individuati vanno puniti e mandati a casa". Alla domanda 'se salterà qualche testa', il sottosegretario ha risposto: "Sicuramente sì, nel senso che ci sono responsabilità oggettive". A suo avviso, inoltre, in generale "non c'è stata una cura del nostro territorio, delle nostre infrastrutture. Oggi questo governo sta cercando di recuperare di invertire la tendenza. Sulla la scuola stiamo investendo 3,9 miliardi. Il 22 presenteremo l'anagrafe dell' edilizia scolastica, renderemo pubblico a tutto il paese qual è la condizione dei nostri istituti. La conoscenza della situazione degli istituti è precondizione necessaria per poter intervenire e agire con determinazione".

Furibondi i genitori: 'I nostri bambini sono in pericolo'. Il presidente della Regione Puglia Vendola chiede che 'i responsabili di quello che appare come un crimine nei confronti dei bambini siano assicurati alla giustizia'.

La elementare 'Pessina' di Ostuni aveva riaperto i cancelli il 7 gennaio scorso dopo un periodo di chiusura per lavori di ristrutturazione. Al momento dell'incidente la maestra stava tenendo regolarmente lezione e i bambini della 2E erano seduti nei loro banchi. Improvvisamente sono stati travolti dai calcinacci provocati dal crollo.

"Stavamo incollando delle schede di matematica - ha raccontato Luca, che ha riportato una ferita alla testa che è stata suturata con punti e la frattura del setto nasale - poi è venuto tutto giù il soffitto".  Anche il suo compagno ha riportato una ferita alla testa ma sta meglio e può tornare a casa. Luca era seduto al secondo banco: "Il maestro era alla lavagna - racconta - e quando è venuto giù tutto ha fatto uscire tutti i compagni". Il piccolo Luca è stato invece portato nel corridoio con l'altro bambino investito dai calcinacci in attesa dell'arrivo dell'ambulanza. "Ho avuto tanta paura - ha aggiunto Luca - ma ora sto molto meglio". I bambini hanno prognosi di 10 e 15 giorni. Sono anche stati sottoposti a una tac. La maestra ha riportato la frattura del malleolo.

Nella scuola - sottolineano i vigili del fuoco - "si è verificato il distacco di 5 metri quadrati di intonaco, per uno spessore di 3 cm collassato all'improvviso, un peso significativo, venuto giù in maniera uniforme. Un bel blocco, che ha investito i bambini".

Il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, ha assicurato che "si sta cercando di vedere e verificare cosa è successo e perché. Questo è il dovere come sempre puntuale che ci mette a fianco della scuola, del dirigente, delle famiglie dei due bambini che purtroppo sono rimasti leggermente feriti". 

"Queste cose - ha detto il papà di un bambino che frequenta la scuola - non devono succedere. Ora basta, non possiamo temere per la vita dei nostri figli. I nostri bambini sono in pericolo. La scuola va chiusa e vanno effettuati controlli a tutti i solai. Non può succedere una cosa simile in una scuola appena ristrutturata". 

"Sul crollo al 'Pessina' di Ostuni, invece di insultare si indaghi su come sono stati fatti i lavori di ristrutturazione. La scuola è stata appena inaugurata!". Lo scrive, su Twitter, il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera Michele Bordo, del Pd.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere