• Linfedema: 40 mila nuovi casi ogni anno. Da Sanit gli strumenti per curarlo.
Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.

Linfedema: 40 mila nuovi casi ogni anno. Da Sanit gli strumenti per curarlo.

Pagine SÌ! S.p.A.

Ogni anno si registrano circa 40 mila nuovi casi di linfedema, malattia che si manifesta con l'aumento di volume degli arti, una patologia spesso sottovalutata. Fondamentali la diagnosi tempestiva e tutori appropriati. Per Salvatore Cappello, di Sanit, realtà di riferimento per i prodotti ortopedici con sede a Torino, è molto importante l'utilizzo di tutori elastocompressivi. “Oggi sono disponibili presìdi certificati Ral, l'agenzia tedesca che verifica in modo univoco la compressione”, dice il dottor Cappello “grazie a tali prodotti possiamo assicurare il migliore supporto alle terapie”, prosegue. Occorre dunque un lavoro di concerto tra il medico e il tecnico specializzato nell'applicazione appropriata della terapia.

Il dottor Cappello sottolinea l'importanza di affidarsi a tecnici competenti. “Noi di Sanit ci occupiamo di elastocompressione da vent'anni, e siamo qualificati per offrire i prodotti migliori per una più sicura applicazione delle terapie, chi si rivolge al nostro centro di Torino è sicuro di ottenere non solo prodotti affidabili ma anche consigli appropriati”.

Il dottor Cappello invita poi i pazienti ad informarsi sui diversi presìdi che si vanno ad acquistare: “Sovente – dice – si fa confusione tra calze preventive e calze terapeutiche: le prime hanno una definizione in “denari”, espressione che indica lo spessore e il peso del filato, la misura è stabilita in base alla lunghezza del piede e taglia corporea, mentre le calze terapeutiche vengono definite in “millimetri di mercurio” rispecchiando circonferenze ed altezze delle gambe, per una corretta terapia compressiva, noi di Sanit aiutiamo a fare chiarezza sempre nell'interesse dei pazienti”.
L'invito è dunque quello togliersi ogni dubbio rivolgendosi a personale competente.

Archiviato in