Ingegneri, 'sì a voce unica professioni'

Zambrano chiude 64/esimo congresso,appuntamento a Parma nel 2020

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Semaforo verde alla "costruzione di una politica comune delle professioni, in particolare quelle ordinistiche", col "superamento di alcuni pregiudizi e preconcetti", per far sì che nella "casa comune" si scoprano tutti "i vantaggi di una voce comune nei confronti delle Istituzioni e delle altre forze politiche, sociali ed economiche". E' uno dei passaggi dell'intervento con cui il presidente del Consiglio nazionale degli ingegneri Armando Zambrano ha chiuso i battenti del 64/esimo congresso della categoria, che si è tenuto a Santa Teresa di Gallura (Sassari).
    "In questa prospettiva l'Ordine nazionale - ha sottolineato - si impegna a proseguire l'interlocuzione già avviata, di concerto con la Rtp (la Rete delle professioni tecniche, di cui lo stesso Zambrano è coordinatore), con il Cup (il Comitato unitario delle professioni, presieduto da Marina Calderone) e dell'Adepp (l'Associazione degli Enti previdenziali privati e privatizzati, guidata da Alberto Oliveti), dandone costante e tempestiva informazione alla Assemblea dei presidenti degli Ordini locali".
    Al temine dei lavori è stato dato appuntamento per il prossimo 65° congresso che si terrà l'anno prossimo a Parma e che è stato presentato dal presidente del locale Ordine degli ingegneri, Susanna Dondi. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in