Professioni, 'redditi come anni '80'

Presentata manifestazione 13 maggio a Roma su 'equo compenso'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 11 MAG - In corteo, "da Piazza della Repubblica con destinazione Piazza San Giovanni", per invocare l'introduzione del giusto compenso per le prestazioni professionali e sensibilizzare Istituzioni ed opinione pubblica sulla difficile condizione di chi svolge la libera attività lavorativa, con particolare riferimento ai giovani. E' l'intento dei promotori della manifestazione di sabato 13 maggio, nella Capitale, ossia degli Ordini romani di avvocati, ingegneri, architetti, nonché di quelli dei medici ed avvocati di Napoli, ma che, "in poche settimane, si è trasformato in un evento nazionale" (contraddistinto da un 'hastag' diffuso sui social network, #noiprofessionisti), giacché hanno aderito "oltre 140 Ordini" di diverse categorie in varie parti d'Italia.
    L'iniziativa è stata presentata stamani, e sono stati forniti numeri significativi per inquadrare l'andamento medio dei guadagni dei liberi professionisti della nostra Penisola: i redditi "sono ritornati ad essere quelli degli inizi degli anni '80", dunque "per le professioni tecniche si oscilla tra i 17.000 e i 30.000 euro annui lordi, registrando dal 2007 al 2014 un calo del 22%. Per gli avvocati - hanno detto gli organizzatori - le entrate lorde del 36% degli iscritti sono inferiori ai 10.000 euro annui" e, negli ultimi 5 anni, "il reddito è sceso del 30% circa". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in