Commercialisti, sciopero dal 28/2

Sindacati, 'sette giorni continuativi' di astensione dal lavoro

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Astensione dal lavoro in occasione degli adempimenti della "fine di febbraio", ossia la dichiarazione Iva: per "sette giorni continuativi", a partire dal 28 febbraio i commercialisti saranno in sciopero. E' la decisione che il presidente dell'Anc Marco Cuchel ha annunciato, a nome delle sette sigle sindacali di categoria (le altre sono Adc, Aidc, Unico, Unagraco, Andoc e Ungdcec), al termine della manifestazione indetta oggi in piazza Santi Apostoli, a Roma, per protestare contro una politica fiscale "sorda" nei confronti delle loro esigenze e per contestare l'inserimento nel calendario fiscale di nuovi adempimenti mediante il Decreto collegato alla Legge di Bilancio 2017. Nel dettaglio, hanno riferito i leader sindacali al termine dell'evento, cui hanno partecipato circa 3.000 professionisti, "abbiamo deciso di astenerci dal lavoro, facendo sì che gli adempimenti slittino di sette giorni. L'Agenzia delle Entrate riceverà, dunque, i dati sette giorni dopo la scadenza individuata" alla fine di febbraio. In questo stesso arco di tempo, inoltre, i commercialisti "si asterranno dal patrocinare le cause dinanzi alle Commissioni tributarie". "Qualora l'iniziativa non sortisse effetti e non venissimo ascoltati - ha proseguito Cuchel - andremo avanti", riferendo che nel mirino di una probabile, ulteriore astensione dal lavoro potrebbe finire lo Spesometro.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in