Giovani tributaristi, no modifica forfet

Intervento Della Marra dopo richiesta presidente Int Alemanno

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 29 OTT - "I regimi di vantaggio rappresentano per noi giovani un giusto strumento sotto il profilo fiscale-amministrativo per riuscire ad avviare un'attività, imprenditoriale o professionale che sia, riducendo i costi di avviamento e di gestione che molte volte non permetterebbero nemmeno l'apertura di una Partita Iva. Preso però atto delle ipotesi che il Governo sta facendo sul regime forfettario, come ad esempio andarne a modificare i contenuti suddividendo in due categorie i contribuenti, chi ha un fatturato fino a 30.000 euro e chi ha un fatturato fra 30.000 e 65.000 euro, si prospetta per questi ultimi l'aggiunta di ulteriori adempimenti come determinare il reddito analiticamente con ricavi e costi, voglio evidenziare che ciò si tradurrebbe in aggravio di costi e di adempimenti per il contribuente". Lo afferma, in una nota, il coordinatore nazionale dei giovani tributaristi dell'Int (Istituto nazionale tributaristi) Alessandro Della Marra, che interviene dopo la richiesta di non variare l'attuale regime "al fine di una stabilità normativa, che già di per sé costituirebbe una semplificazione", inviata al ministero dell'Economia dal presidente dell'Int Riccardo Alemanno. "Pur comprendendo le problematiche di bilancio e di risorse dello Stato, la continua variazione legislativa sarebbe un ulteriore problema per noi giovani, che abbiamo sempre più bisogno della tanto citata semplificazione fiscale e della possibilità di costi ridotti soprattutto nella fase iniziale delle nostre attività, per questo ritengo che il regime forfettario, che già è stato limitato del suo secondo step per i redditi fino a 100.000 euro, non debba essere variato, poiché così come composto è un buon incentivo per un giovane che decida di aprire una Partita Iva nel nostro Paese, chiude Della Marra. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie