Confimi, 40% aziende difficoltà credito

Agnelli, problema è 'strisciante', altro 'nodo' costo del lavoro

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 15 LUG - "Se ne parla poco, eppure il problema del credito crunch sta tornando strisciante". E' quanto sostenuto dal presidente di Confimi Industria Paolo Agnelli al tavolo promosso dal vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini con le parti sociali per la crescita del Paese, aggiugendo come "il 40% delle aziende ha difficoltà ad accedere al credito, o vede respinte le richieste, eppure Basilea parla chiaro: le Piccole e medie imprese (Pmi) hanno criteri di valutazione diversi rispetto a quelli dettati dalla grande industria". Sul differenziale del costo del lavoro, poi, ha ricordato che "in Italia, rispetto ai soli 'competitor' europei che hanno diverse tassazioni al ribasso, le nostre aziende hanno un costo più alto di quasi l'11% rispetto alla media. Con questi elementi c'è il forte rischio che tante aziende chiudano e se ne vadano dai nostri confini", ha concluso il numero uno di Confimi Industria. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in