Dl fiscale, torna equo compenso avvocati

Dopo stralcio da Legge Bilancio, Sacconi (Epi) 'sia per tutti'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 09 NOV - Stralciato dalla Legge di Bilancio, il testo sull'equo compenso per gli avvocati (impegnati nel contenzioso con banche, assicurazioni e grandi aziende) è rientrato nel Decreto fiscale, dove è stato presentato oggi dal relatore in Commissione Bilancio al Senato Silvio Lai (Pd).
    Iniziativa che incassa le critiche del presidente della Commissione Lavoro del Senato Maurizio Sacconi (Epi), che ha presentato un disegno di legge per inserire nel nostro ordinamento l'equo compenso per tutte le categoria professionali. "A parte la discutibile sede adottata - dichiara in una nota - se si interviene, è doveroso tutelare tutti gli utenti e tutti i prestatori di servizi professionali, ordinistici e non. Il rispetto almeno dei parametri già elaborati dai ministeri per le professioni ordinistiche e di quelli che il Ministero dello Sviluppo economico potrebbe ricavare dagli usi per le professioni associative, deve riguardare ogni contratto, non solo quello stipulato con il contraente forte, perché i consumatori devono conoscere il rischio connesso con una remunerazione vile". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in