Sacconi, 'subito legge su equo compenso'

'Giusto allarme Ordini dopo sentenza bandi per servizi gratuiti'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 05 OTT - E' "necessario approvare, nel pur breve tempo che ci separa dalla fine della Legislatura, il Ddl a mia prima firma sull'equo compenso, che considera nulle le clausole che dispongono remunerazioni inferiori ai vigenti parametri relativi alle professioni ordinistiche". Lo scrive nel blog dell'Associazione amici di Marco Biagi il presidente della Commissione lavoro del Senato Maurizio Sacconi (Energie per l'Italia), evidenziando come sia "giustificato" il grido d'allarme che parte dagli Ordini delle varie categorie professionali (riuniti nel Comitato unitario delle professioni e nella Rete delle professionisti tecniche), "a seguito della sentenza con cui il Consiglio di Stato ha ritenuto legittimi i bandi di gara per prestazioni gratuite di professionisti". Per Sacconi, "in violazione dell'art. 36 della Costituzione, si ritiene che la libera concorrenza, o la riduzione della spesa pubblica possano giustificare la pretesa di lavoro gratuito. Per questo", chiude, è urgente dare il via libera alla legge per introdurre nel nostro ordinamento soglie di giusta remunerazione per i servizi svolti dai liberi professionisti. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in