Commercialisti, in Trentino A-A. al top

Report Cnpadc, iscritti crescono, età media 48 anni

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 7 AGO - Il Trentino - Alto Adige con oltre 11 mila euro è la regione dove si è registrato il maggior reddito medio dei dottori commercialisti (che corrisponde anche al volume d'affari medio più alto, pari a 208mila euro), seguita da Lombardia con più di 103 mila euro di reddito medio e un volume d'affari di quasi 190mila euro, e Piemonte con un reddito medio di quasi 80 mila euro e 147mila euro di volume d'affari.
    Secondo la nuova edizione del Reputational Report 2018 della Cassa Dottori Commercialisti (Cnpadc) inoltre dal 2004 al 2018 c'è stato un importante incremento degli iscritti alla Cassa (27.069 unità in più, +65,3%). Il dato demografico evidenzia un ottimo rapporto fra iscritti e pensionati che vede mediamente, nel periodo dal 2004 al 2018, il numero di iscritti superare di circa nove volte quello dei pensionati, cresciuti del 96,3% (3.910 unità in più). La platea degli iscritti si colloca principalmente in una fascia di età giovane, compresa tra 41 e 50 anni, attestandosi su una media intorno ai 48 anni (per i maschi pari a 50 anni e per le donne pari a 44 anni).
    Dal punto di vista territoriale la regione che presenta il maggior numero di Iscritti è la Lombardia, con 12.372, seguita dal Lazio (7.652) e Campania (7.047). L'Emilia Romagna è la regione con la maggiore presenza femminile (40,2% del totale), seguita da Basilicata (39,7%) e Sardegna. Il Molise è la regione con l'età media più bassa, pari a 46,6 anni, la Liguria quella con l'età più alta, pari a 50,5.
    E' la Toscana la regione con il rapporto più alto tra iscritto e imprese del territorio, con una media di 84 società per ogni professionista. Sono invece appena 47 le imprese per iscritto in Calabria, che registra il rapporto più basso, a fronte di una media nazionale di 64 imprese per ogni professionista.
    Nel suo intento di promuovere e favorire un sistema previdenziale adeguato, equo ed innovativo, la Cassa Dottori Commercialisti ha sviluppato un piano di welfare a tutela dei professionisti e delle loro famiglie, dimostrando una particolare attenzione per il segmento femminile. Nel 2018 l'indennità di maternità (riconosciuta in caso di gravidanza, adozione o affidamento) erogata alle donne è stata di oltre 7 milioni di euro, mentre il contributo aggiuntivo a sostegno della maternità di oltre 1milione e 300mila euro.
    A sostegno dei genitori di figli portatori di handicap o malattie invalidanti sono stati elargiti circa 3 milioni e 400mila euro mentre il supporto delle borse di studio agli associati e ai loro figli si è tradotto in oltre 1 milione e 250mila euro, e oltre 600mila euro a favore degli orfani.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in