Giovani dottori commercialisti, ok Cassa

Virgillito (Ungdcec), accolte istanze equità intergenerazionale

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Plauso dell'Ungdcec (Unione nazionale giovani dottori commercialisti ed esperti contabili) alle novità licenziate oggi dall'assemblea dei delegati della Cassa previdenziale di categoria (Cnpadc), visto che, tra l'altro, "sarà possibile estendere da tre a cinque anni l'agevolazione contributiva per i neo iscritti alla Cassa, dando loro la possibilità di non pagare, quindi, i contributi minimi soggettivi e integrativi per un periodo più lungo", iniziativa che consentirà a coloro che sono "appena approdati alla professione di restare nel mercato e potersi permettere investimenti iniziali destinati a fare crescere quei volumi di affari e quei redditi capaci di sostenere in modo normale ed equo l'onere previdenziale". Soddisfatto, poi, il presidente Daniele Virgillito, perché "si è proceduto alla destinazione del Fondo extra rendimento in un'ottica di equità intergenerazionale: si tratta - spiega - di un Fondo generato per effetto dei maggiori rendimenti realizzati dalla Cassa, dall'investimento dei propri 'assets', rispetto a quanto viene riconosciuto sui montanti degli iscritti, per limiti regolamentari, ora rivisti per contenere al minimo tale scostamento. Il Fondo era stato utilizzato l'ultima volta nel 2015, con destinazione 'a pioggia' di un tasso di capitalizzazione aggiuntivo dei montanti contributivi per quell'anno del 2,81% a tutti agli iscritti non pensionati", ma oggi "si è attribuito un 4% a tutti gli iscritti post 2004, interamente contributivi, ridotto di uno 0,25% per ogni anno di iscrizione precedente e con un minimo garantito del 0,50% a tutti gli iscritti", ha chiuso Virgillito. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in