Lavoro, Casse interrogano gli iscritti

Fari Enpab (biologi) e Epap (più categorie) su equo compenso

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 27 SET - Proposte e problemi sui temi dell'equo compenso dei liberi professionisti e dell'Industria 4.0: potranno esprimerli gli iscritti a due Casse di previdenza private, l'Epap (nei cui elenchi figurano chimici, geologi, attuari e dottori agronomi e forestali) e l'Enpab (biologi), chiamati a dire la propria, mediante una 'call' pubblica (presente sui rispettivi siti istituzionali). Gli esiti della consultazione, si legge in una nota congiunta, finiranno nel documento finale che sarà consegnato ai tavoli di lavoro parlamentari su questi argomenti, ma sarà pure "oggetto di studio ed elaborazione di un programma speciale nell'ambito delle attività dei due Enti" pensionistici. "Guardando ai professionisti – dice la numero uno dell'Enpab Tiziana Stallone - la domanda che mi assilla è 'come restituire dignità ai biologi, soprattutto a quelli con redditi non adeguati al loro impegno', tenuto conto che gli stessi redditi rappresentano il primo parametro per una prestazione previdenziale adeguata". A giudizio del vertice dell'Epap Stefano Poeta "c'è necessità di un nuovo patto tra le generazioni e tra le parti sociali. Questa 'call' rappresenta il primo passo verso una stretta collaborazione con le Istituzioni per il sostegno dei redditi dei nostri iscritti", conclude. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in