COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

CRV - Insediata a palazzo Ferro Fini la Consulta Regionale dei Ragazzi e delle Ragazze

Oggi, nella sede del Consiglio regionale Veneto

CONSIGLIO REGIONALE VENETO

Insediata a palazzo Ferro Fini la Consulta Regionale dei Ragazzi e delle Ragazze

(Arv) Venezia 11 ott. 2019 - Si è insediata quest’oggi a palazzo Ferro Fini, sede del Consiglio regionale del Veneto, la Consulta regionale dei ragazzi e delle  Ragazze chiamata a dialogare con le Istituzioni sulla scorta di un “progetto, finanziato dalla Regione del Veneto, che si si propone di dare voce a bambini, bambine, ragazzi e ragazze, attraverso l’organizzazione di momenti di incontro e confronto tra bambini e ragazzi dagli 8 ai 14 anni interessati ad esprimere il loro punto di vista sulla loro vita quotidiana”. Accolti dal presidente Roberto Ciambetti, affiancato dall’assessore regionale Manuela Lanzarin, da Mariella Andreatta, presidente regionale dell’Unicef, e da Mirella Gallinaro, Garante dei diritti della persona, i giovani sono stati protagonisti di una giornata intensa di dialogo e confronto. “In quest’aula dovrebbe essere scritta a grandi lettere questa frase per ricordare a tutti quelli che qui lavorano quale sia il loro dovere: ‘La democrazia è pochi al servizio di tanti e non tanti al servizio di pochi’: qui siamo una cinquantina di uomini e donne che devono essere al servizio di oltre 4 milioni e 900mila cittadini veneti  - han detto il presidente Ciambetti nel suo discorso di benvenuto - “Anche voi,  come  Consulta regionale dei ragazzi e delle ragazze, rappresentate la voce e i bisogni di centinaia e centinaia di ragazzi e ragazze del Veneto: quanto fate è molto importante per tutta la società perché, come spesso capita nella storia, i giovani vivono già il futuro, spesso lo comprendono meglio di chi ha qualche anno in più sulle spalle.  Anche voi, però, non dovete mai dimenticare che la democrazia è un edificio che si costruisce giorno dopo giorno con impegno, fatica e onestà, un edificio che per crescere ha bisogno dell’impegno di tutti.  Grazie per l’impegno che state mettendo nella vostra Consulta e vi assicuro che le vostre voci saranno ascoltate e il vostro lavoro non sarà vano” .

Archiviato in