• CRV - "Testo Unificato che disciplina la prevenzione e cura disturbo da gioco d'azzardo patologico"
COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

CRV - "Testo Unificato che disciplina la prevenzione e cura disturbo da gioco d'azzardo patologico"

via libera in Quinta Commissione

CONSIGLIO REGIONALE VENETO

Quinta Commissione - "Via libera al Testo Unificato che disciplina la prevenzione e la cura del disturbo da gioco d'azzardo patologico'"

 

(Arv) Venezia 13 giu. 2019 -   Nella seduta odierna, la Quinta Commissione consiliare permanente – Presidente Fabrizio Boron (ZP) e Vicepresidente Fabiano Barbisan (CDV) – ha esaminato e votato, articolo per articolo, il Testo Unificato che disciplina la prevenzione e la cura del gioco d’azzardo patologico, frutto della sintesi di tre PdL, di iniziativa consiliare - primi firmatari rispettivamente i consiglieri Giovanna Negro (VCA), Antonio Guadagnini (Siamo Veneto) e Riccardo Barbisan (LN) - e del Disegno di Legge n. 395 della Giunta ‘Norme sulla prevenzione e cura del disturbo da gioco d’azzardo patologico’, assunto quale testo di riferimento. L’esame in Commissione del T:U. è stato preceduto dall’audizione dei soggetti portatori di interesse. Ora il testo normativo andrà all’esame della Prima Commissione relativamente alla parte finanziaria, per poi essere approvato in via definitiva.

Il gioco d’azzardo patologico rientra nei Livelli Essenziali di Assistenza. I problemi correlati al gioco d'azzardo hanno determinato un forte impatto sociale mano a mano che il gioco legale si è diffuso nel territorio in modo sempre più capillare. A partire dagli ultimi anni '90, e ancor più dopo il 2000, i giocatori patologici e le loro famiglie hanno iniziato a rivolgersi ai servizi dipendenze, percependo la dedizione al gioco come una vera e propria dipendenza. Tale percezione è stata successivamente confermata da innumerevoli ricerche scientifiche, tanto che l'ultima edizione del DSM ha spostato il Disturbo da Gioco d'Azzardo dal capitolo dei disturbi del controllo degli impulsi a quello dei disturbi di dipendenza. L'impatto sociale e sanitario dei problemi azzardo-correlati è quindi di rilevante entità ed ampiezza. Per questi motivi, la Regione del Veneto, nell'ambito delle proprie competenze in materia di tutela della salute e di politiche sociali, vuole promuovere interventi finalizzati alla prevenzione, al contrasto e alla riduzione del rischio da gioco d'azzardo e delle problematiche azzardo-correlate, nonché al trattamento e al recupero delle persone che ne sono affette e al supporto delle loro famiglie. La Regione vuole altresì promuovere interventi con finalità di prevenzione dei problemi sanitari e sociali correlati al gioco d'azzardo, con particolare riguardo al gioco d'azzardo patologico, programmi di trattamento sociosanitario e di recupero dei soggetti con gioco d'azzardo patologico, nonché di supporto alle loro famiglie, promozione e diffusione di una cultura di utilizzo responsabile del denaro, attraverso attività di educazione, informazione, sensibilizzazione, anche in relazione ai rischi connessi alle varie tipologie di giochi con vincite in denaro, rafforzamento della cultura del gioco misurato e responsabile e della consapevolezza nella scelta di giocare o non giocare, contenimento dell'impatto negativo connesso alla diffusione del gioco d'azzardo sul tessuto sociale, sui comportamenti e sulla cultura locale.E’ stato dato a maggioranza il Parere di competenza alla Prima Commissione sul Disegno di Legge della Giunta n. 440 ‘Rendiconto generale della Regione per l'esercizio finanziario 2018’. La Giunta ha approvato il Rendiconto il 30 aprile 2019, entro i termini prescritti. Il documento di bilancio si articola nel Conto di Bilancio nonché nel Conto Economico e nello Stato patrimoniale, introdotti dal D.Lgs n. 118/2011. La cassa vede un saldo incrementato rispetto all’esercizio precedente, mentre diminuisce il disavanzo.

Raggiunto anche per il 2018 l’obiettivo fissato dal Fiscal Compact, ovvero il pareggio di bilancio.

 

Archiviato in