COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Venezia - Dott. Nube: “Investire in macchinari e materiali innovativi”

Pagine Sì! SpA

Tra ultrasuoni e laser il mondo della Chirurgia e della Medicina Estetica oggi è più che mai all’avanguardia. L’esempio virtuoso dello specialista veneto

Il Dott. Alessandro Nube, Medico Chirurgo che lavora tra le province di Venezia, Padova e Rovigo, non ha dubbi circa il futuro della sua professione.

“Per essere al passo con i tempi e offrire cure e servizi all’avanguardia ai pazienti, è bene investire in materiali innovativi e macchinari di ultima generazione, dalla sala operatoria all’ambulatorio”.
E infatti il Dott. Nube negli ultimi anni ha puntato proprio sulla tecnologia per ampliare il ventaglio di proposte e cure per i suoi pazienti: “Complice la crisi, si è registrato un crescente interesse nei confronti di trattamenti di Medicina Estetica, più che di interventi chirurgici veri e propri. Questo perché meno onerosi dal punto di vista economico e più indicati per piccoli problemi come gli inestetismi della pelle”.
Nube ha quindi investito nell’acquisto di alcuni macchinari ad ultrasuoni, utili per piccoli interventi di micro-liposuzione a livello ambulatoriale, “da realizzare senza quindi dover accedere alla sala operatoria e di più veloce ripresa per il paziente”.

Senza anestesia e con tempi più snelli, il Dottore lavora anche grazie ad alcune tipologie di laser di prim’ordine a livello internazionale, in grado di coprire e curare circa una sessantina di patologie. “A partire dal laser frazionale, ideale per cicatrici chirurgiche e da acne, smagliature o ustioni e altri problemi ove sia indicato far sviluppare collagene. Il laser ablativo, inoltre, è in grado di lavorare togliendo neoformazioni benigne senza lasciare segni. E poi c’è il laser vascolare che agisce su capillari e vene eccessivamente visibili”.

In aggiunta, il Dott. Nube utilizza un laser per il fotoringiovanimento, per eliminare i segni dell’età come le macchie su mani, collo e viso, e il Q-Switched: “Si tratta di un macchinario indicato per neoformazioni pigmentate, e che si utilizza molto spesso anche per la rimozione dei tatuaggi, ad oggi tra i trattamenti estetici più richiesti per i professionisti del settore”. Come mai? “Per tre motivi: insoddisfazione nei confronti del tattoo, per esigenze lavorative o per pentimento”.

Il Dott. Alessandro Nube opera nell’ambito della chirurgia del seno, del corpo e del viso ed è particolarmente attento anche ai materiali utilizzati, ad esempio nel caso delle protesi mammarie, che “oggi devono essere all’avanguardia, certificate e innovative, per assicurare alla paziente un più duraturo effetto nel tempo e maggiore sicurezza. Anni fa le protesi per mastoplastica additiva erano molto diverse, tanto che oggi siamo arrivati alla 6^ generazione. Ed è cambiato anche il gel, più morbido e con “effetto memoria” tale da non creare inestetismi col tempo”.

Tutto questo, per il Dottore, con l’obiettivo finale di donare sì armonia alle forme del corpo e del viso, “ma soprattutto per salvaguardare il benessere fisico e psicologico di ogni singolo paziente, da trattare sempre come fosse il parente più caro”. 


 

Archiviato in