COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

CRV - "La Grande Guerra vissuta dalla nostra gente. Cronache da S. Bonifacio e dintorni"

presentato il libro a palazzo Ferro Fini

CONSIGLIO REGIONALE VENETO

Cultura - Presentato a palazzo Ferro Fini il libro "La Grande Guerra vissuta dalla nostra gente. Cronache da San Bonifacio e dintorni".

(Arv) Venezia, 15 mag. 2018 - È stato presentato oggi a Venezia, presso palazzo Ferro Fini, sede del Consiglio regionale del Veneto, il libro “La Grande Guerra vissuta dalla nostra gente. Cronache da San Bonifacio e dintorni” curato dall’Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore ‘M.O. Luciano Dal Cero’ di San Bonifacio, in provincia di Verona. L’illustrazione è stata introdotta dal Vicepresidente del Consiglio regionale del Veneto Massimo Giorgetti che, a nome dell’Assemblea legislativa, ha ringraziato tutti i curatori del volume e quindi “gli studenti, gli insegnanti, il preside per il particolare lavoro di conservazione della memoria: lavori come questi - ha aggiunto il Vicepresidente - nel quadro del centenario della Grande Guerra, non costituiscono un esercizio di retorica: parlano di ciò che è successo cento anni fa e rappresentano la legittimazione della nostra patria attraverso il sacrificio di tanti italiani, un sacrificio che si è spinto fino al dono maggiore che è quello della vita, e un sacrificio, quello dei nostri progenitori, che ha trasformato uno stato in una patria. Dalla vittoria della Grande Guerra è derivata anche la riconquista della libertà, non solo quella di un popolo, di una nazione e degli individui, ma quella rappresentata dalla riconquista della sovranità rispetto a territori che erano italiani, veneti e veneziani in molti casi, e che erano stati occupati dallo straniero”. La Preside dell’istituto scolastico, Silvana Sartori, ha rammentato, nel corso del suo intervento, che questo lavoro di ricerca storica “oltre ad aver comportato l’analisi di documenti e il reperimento di informazioni storiche, deve essere volto a formare cittadini consapevoli, capaci di comprendere e di interpretare il reale. Il fine più alto è quello comunque di creare coscienze attive, di creare cittadini protagonisti del presente e capaci di costruire il futuro, partendo da studenti come questi, dalle loro competenze e dalle loro capacità”. Gli studenti Chiara Meneghello e Alberto Stevanella hanno ricordato, da un lato la corposa analisi del materiale reperito al termine della quale i documenti, opportunamente rielaborati, sono stati riuniti ed editi, peraltro solo in parte, nella forma presentata oggi presso la sede dell’Assemblea legislativa veneta con un focus particolare sulla condizione della donna nel periodo bellico, e dall’altro l’incontro al Quirinale con il Presidente della Repubblica al quale è stato presentato il volume e che ha trasmesso a questi studenti il valore e l’importanza della ricerca storica. Le conclusioni e i ringraziamenti finali sono stati affidati alla Consigliera regionale veronese e Presidente della Commissione consiliare d’inchiesta sui gravi fatti riguardanti il sistema bancario in Veneto, promotrice dell’evento che ha rimarcato l’attenzione “sul dovere morale di ricordare chi ha sacrificato la propria vita per un valore, per un paese, per un territorio e per la nostra nazione, al fine di costruire il nostro futuro”.

Archiviato in