COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

CRV - Presidente Consiglio Veneto: Dagli esuli istro-dalmati, grandi lezioni su cui riflettere.

In occasione del Giorno del Ricordo

CONSIGLIO REGIONALE VENETO

Giorno del Ricordo - Presidente del Consiglio regionale del Veneto: "Dagli esuli istriani e dalmati, che col loro lavoro si ricostruirono da zero una nuova vita, una grande lezione etica e morale su cui riflettere"

(Arv) Venezia 9 feb. 2018 - “Sabato 10 febbraio: invito tutti i Veneti a trovare un minuto per ricordare la tragedia che travolse gli istriani, i giuliani e i dalmati costretti dalla pulizia etnica titina ad abbandonare le loro case, il loro lavoro e tutti i ricordi. Non possiamo dimenticare uomini e donne, colpevoli solo d’essere italiani, finiti assassinati nelle foibe, annegati in mare o morti nei gulag titini: a loro un pensiero, una preghiera e l’impegno affinché sia fatta giustizia”. Il Presidente del Consiglio regionale del Veneto, incontrando nel Vicentino degli esuli istriani e i loro parenti, ha sottolineato che “c’è una pagina di storia tutta da scrivere sull’esodo istriano-dalmata: i profughi giunsero qui, principalmente nel triestino, in Veneto e Friuli. Furono accolti in centri di accoglienza in condizioni veramente aspre e drammatiche. Senza nulla, nel volgere di pochi anni, riuscirono a costruirsi una nuova vita grazie al loro lavoro, ai loro sacrifici. Non se ne stettero con le mani in mano, si tirarono su le maniche e costarono pochissimo alla collettività. Costruirono da zero il loro futuro e sono stati determinanti per lo sviluppo dell’economia e della società veneta. Operai, impiegati, piccoli e medi imprenditori, liberi professionisti, commercianti e intellettuali: non c’è stato settore in cui non abbiano contribuito alla crescita del nostro Veneto. È una storia di riscatto, ma anche un grande insegnamento etico e morale di cui noi tutti dovremmo esser loro grati e sul quale avremmo tantissimo su cui riflettere”.

Archiviato in