COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Daniele Mancini, osteopata a Firenze: “Il mio è un approccio olistico alla salute del paziente”.

Pagine Sì! SpA

Il corpo umano è una macchina estremamente complessa, formata da un’infinità di componenti che devono funzionare insieme alla perfezione. Basta che una sola parte non faccia il suo dovere, e tutte le altre ne risentono. Per questo è impossibile pensare di trattare le problematiche del nostro corpo in maniera singola, ma è necessario considerare il corpo nel suo complesso. Lo sa bene Daniele Mancini, osteopata di Novoli, a Firenze. “Nel nostro studio abbiamo adottato un approccio olistico, abbiamo messo insieme un gruppo di lavoro con vari professionisti della salute. Con me lavorano una psicologa, una nutrizionista, un fisioterapista, e adesso ci siamo ampliati con Laboratorio Biosalute, del dottor Renato Carone biologo nutrizionista.  Alla nostra squadra si sono aggiunti un fisiatra, un’endocrinologa, una ginecologa e un team di psicologhe che lavoreranno al progetto sui disturbi alimentari”.

Ci si concentra dunque non solo sulla struttura fisica, ma sull'intera persona, intesa come unione di spirito, mente e corpo. Per questo motivo, oltre ai singoli studi specialistici, sono stati previsti degli spazi comuni per attività di gruppo, con corsi di yoga, ginnastica posturale, attività legate alla mindfulness.

“L’osteopata parte da un concetto fisiologico generale del corpo. Il mio lavoro consiste nel ridare agli organi e a tutte le parti del corpo la fisiologia che hanno perso, per permetterne la naturale funzionalità ed evitare disturbi o patologie”.

La specializzazione del dottor Mancini lo ha portato a perfezionarsi in diverse aree: dall’osteoarticolare (quindi traumatologia sportiva), all’osteopatia pediatrica, fino all’osteopatia viscerale e a quella cranio sacrale. “Mi piace ascoltare le persone e cerco di creare empatia” spiega Mancini. “L’ascolto del paziente è fondamentale, perché l’osteopata è promotore della salute di tutto il corpo”.

Archiviato in