COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Chirurgia estetica: interventi al seno e al naso i più richiesti

Pagine Sì! SpA

Il nostro Paese è al quinto posto per numero di interventi all’anno perché secondo la dott.ssa Cinzia Sisti, di Reface, “la chirurgia estetica oggi non rappresenta più un tabù”

Non c'è crisi in Italia per i “ritocchini” salva-bellezza. Il nostro Paese si conferma infatti in quanta posizione per interventi di chirurgia e medicina estetica, dopo Stati Uniti, Brasile, Giappone e Messico. “Questo perché gli italiani sono molto attenti al proprio aspetto estetico e ormai andare dal chirurgo non rappresenta più un tabù, ma un fatto ormai accettato socialmente”, commenta la dott.ssa Cinzia Sisti, dello studio Reface di Terranuova Bracciolini, in provincia di Arezzo.

“Oggi la richiesta riguarda principalmente interventi naturali e mini-invasivi, che garantiscono una versione migliore di sé stessi, senza eccessivi stravolgimenti - prosegue la dott.ssa Sisti. - Se invece si guarda alla chirurgia l’intervento più in voga è la mastoplastica additiva, ovvero l’aumento del volume del seno, seguito dal rimodellamento del naso. Nel primo caso le pazienti che lo richiedono sono perlopiù donne tra i 30 ed i 40 anni che, anche dopo una gravidanza, necessitano di un seno più tonico e ‘pieno’. In questo campo la tecnologia ha introdotto numerose migliorie, come protesi più morbide rispetto al passato e anche più durature. Per quanto riguarda la rinoplastica, invece, un elemento che incentiva molto questo intervento riguarda le tecniche ormai indolore il non più necessario tamponamento del naso con garze che rendevano doloroso la loro rimozione, a favore dell’utilizzo attuale di gelatine emostatiche e  la diminuzione dei tempi post-operatori” con un recupero più veloce dell’attività lavorativa. Se in passato erano perlopiù le donne a concedersi qualche ‘ritocco’, negli ultimi anni si è registrato un vero e proprio aumento, da parte del pubblico maschile, che hanno registrato una percentuale stimata del 18,3%.

“Gli uomini vanno sempre più spesso dal chirurgo estetico - conclude la dott.ssa Sisti  perchè vogliono essere più giovani, per piacersi di più, aumentare la propria autostima, e conseguentemente essere più competitivi sul lavoro, come dimostra la crescita di interventi degli ultimi anni”. Infine una chiosa sulla differenza di richieste, tra nord e sud: “nel nord Italia la richiesta maggiore riguarda interventi che garantiscano lineamenti più sottili, più vicini ai canoni degli stilisti e della moda,  mentre per quanto riguarda il sud, c’è una tendenza a chiedere volumi più abbondanti, che esaltino le forme e le rotondità del corpo”, che più si avvicinano alla bellezza mediterranea naturale di tale latitudine. Di conseguenza dobbiamo interpretare i desideri per esempio di volere un seno naturale che per la signora del nord sarà un seno seconda/terza e per una signora del sud  sarà un seno quarta/quinta.

Archiviato in