COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

La casa prende colore e diventa bio

Pagine Sì! SpA

Addio bianco, spazio al colore e a materiali biocompatibili. È questo il nuovo trend per chi sceglie di arredare o rinnovare la propria casa. A partire dall’utilizzo del legno, per mobili e complementi, o ad altri elementi provenienti dalla terra, come il ritorno alla pietra naturale, fino all’esplosione del colore, che vede in prima fila il verde e le sue sfumature, oltre a palette che interpretano gli elementi base, ovvero acqua, terra, aria e fuoco. “Il 2019 sarà un anno ‘ecologico’ per chi sceglierà di rinnovare la propria abitazione - affermano Paolo e Chiara Tasselli, titolari di Tasselli Srl, azienda di Prato specializzata nella vendita di materiali edili e nella distribuzione di finiture di alta qualità, per la casa - perché la tendenza che stiamo registrando è quella di una sensibilità sempre più attenta verso materiali biocompatibili, in grado di preservare la salute dell’uomo e quella dell’ambiente, attraverso l’utilizzo di materiali a basso impatto ambientale, d’origine naturale e lavorati secondo principi di sostenibilità”.

Tra questi materiali, conferma Tasselli, c’è sicuramente il legno, materiale ecologico per eccellenza: biodegradabile, non inquina, si ricicla, è isolante dal punto di vista acustico e termico e contribuisce a regolare temperatura e umidità degli ambienti. Il suo impiego nelle abitazioni permette di creare un microclima indoor particolarmente salubre. “Oltre ad una sempre maggior richiesta di materiali biocompatibili, abbiamo registrato anche un importante ritorno del colore e del decoro - prosegue Tasselli - dalla carta da parati ai rivestimenti, dai marmi alle piastrelle. Il colore, oltre a rendere più vivaci e stimolanti gli ambienti, è in grado di ingannare l’occhio, conferendo alle stanze maggiore luce, o la sensazione di maggior ampiezza. Il colore giusto può cambiare la percezione delle dimensioni di una stanza. In generale, anche attraverso le richieste dei nostri clienti, quello che si nota è un progressivo abbandono del bianco, o più in generale, di un estremo minimalismo, in favore di un ritorno verso la fantasia”. Una scelta che non si ferma solo all’ arredamento, ma che coinvolge anche gli elettrodomestici, sempre più al centro dell’attenzione dei designer, che tramite colori vivaci e forme spesso stravaganti, li hanno trasformati in veri e propri oggetti di design. Infine, una chiosa sull’aspetto ambientale: “è fondamentale che nel processo di lavorazione e trasformazione dei materiali vengano utilizzati prodotti che non contengono sostanze nocive, altrimenti un prodotto non può essere considerato amico dell’ambiente”, conclude Tasselli.

Archiviato in