COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale PRIMA PAGINA ITALIA

Polidiagnostica Kennedy: l’Immunofluorescenza, avanguardia per diagnosi di malattie autoimmuni.

La meticolosità nell’interpretazione degli esami ematici e un’attenzione al paziente in tutte le sue forme fanno del Poliambulatorio Polidiagnostica Kennedy, situato a Brolo in provincia di Messina, una struttura di eccellenza per lo studio dei campioni ematici, finalizzati alla diagnosi di malattie rare ed autoimmuni.

PRIMA PAGINA ITALIA

Questo tipo di esame, innovativo ed ancora poco diffuso in sicilia si effettua con il metodo dell’Immunofluorescenza,

“L’esame avviene in maniera manuale – spiega la Dr.ssa Vincenza Leuzzi  – ed in due tempi. Si inizia con un prelievo ematico: dal campione di sangue viene separata la parte corpuscolata dal siero; quest’ultimo viene quindi analizzato su vetrini sui quali sono fissate sezioni criostatate di tessuti animali. Segue poi l’osservazione dei suddetti vetrini al microscopio a fluorescenza.

La lettura deve essere fatta da personale altamente specializzato, perché le possibilità di una valutazione errata sono  alte, soprattutto in presenza di positività a basso titolo anticorpale.

Dell’analisi dei campioni si occupa in prima persona  il direttore sanitario del centro, la biologa Vincenza Leuzzi, che coordina l’attività di 9 collaboratori, tra  biologi, infermieri e personale ammnistrativo.

Gli esami che normalmente si eseguono al poliambulatorio Polidiagnostica Kennedy con il sistema della Immunofluorescenza sono l’EMA o antiendomisio per la  celiachia  l’APGA, antiparietale gastrico, l’Ana, antinucleo, che è il test più frequente per la determinazione degli anticorpi umani di classe IgG diretti contro il nucleo cellulare per la diagnosi di molte malattie autoimmuni, in particolare per le forme reumatiche, e l’ ASMA, antimuscololiscio, per una diagnosi delle epatiti autoimmuni, che sono infezioni che intaccano il fegato, e l’ANCA-P-C per differenziare una vasculopatia. 

Tra le malattie autoimmuni più conosciute, si annoverano anche le malattie del tessuto connettivo (CTD) che sono malattie reumatiche e comprendono il lupus eritematoso sistemico, la sclerosi sistematica progressiva, la sindrome di Sjögren, le miositi e la sindrome di Sharp, oltre alla più comune celiachia.

Gli autoanticorpi i cui antigeni target si trovano nel nucleo (anticorpi anti-nucleo, ANA) sono importanti marker sierologici per le CTD. Gli antigeni target includono gli acidi nucleici, le proteine nucleari e quelle ribonucleari.

La prevalenza degli anticorpi anti-nucleo nelle malattie reumatiche infiammatorie è compresa tra il 20 e il 100% dei pazienti. Di conseguenza, una diagnostica differenziale degli ANA è indispensabile per la diagnosi delle diverse malattie reumatiche e della loro differenziazione da altre malattie autoimmuni.

Nell’EMA, il dosaggio plasmatico degli anticorpi anti endomisio di classe IGA, rappresenta uno dei test sierologici più affidabili  a supporto della diagnosi della malattia celiachia. Sempre basilare è, comunque, l’interpretazione del biologo

In attività da circa 35 anni, il Poliambulatorio Polidiagnostica Kennedy, è stato nel tempo potenziato da macchinari di ultima generazione ed ha puntato all’eccellenza soprattutto nell’ambito delle risorse umane.

Agli esami immunologici, associa con successo anche esami particolari come lo spermiogramma, molto delicato perché capace di valutare la possibilità in un uomo di procreare e mette in evidenza eventuali anomalie nella morfologia dello spermatozoo in tutte le tre parti: testa, collo e coda. Lo spermiogramma va effettuato in più riprese e al microscopio. Altro motivo, per cui il centro è stato attenzionato dai reparti di oncologia dei migliori ospedali è il modo in cui vengono effettuati gli esami oncologici. Tra questi l’ HE4, per la determinazione del rischio di cancro ovarico, prima che si manifesti l’eventuale patologia  tumorale.

L’attenzione verso il paziente è al primo posto, oltre che con un adeguato e funzionale servizio all’interno del Poliambulatorio, spiega Mario Tripoli amministratore del Centro, avviene anche con la sperimentazione di un nuovo sistema “telematico” collegato ai telefoni smartphone, attraverso cui vengono trasmessi i risultati degli esami sia al paziente che al suo medico curante per via telematica, senza la necessità del ritiro manuale degli stessi esami. Questo riduce le liste d’attesa ed il paziente potrà avere i risultati quasi in tempo reale. E’ possibile scaricare l’App del Poliambulotario sia dall’ Apple Store che dal Play Store ricecrando: “Kennedy Polidiagnostica”.

SITO WEB

Archiviato in