COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Grande successo per il concerto di Mario Biondi

Pagine Sì! SpA

Serata speciale per gli oltre duemila che hanno assiepato il Foro Boario a Noci per il concerto di Mario Biondi, terzo appuntamento della rassegna musicale "Animenote Music Festival".  Lo spettacolo durato novanta minuti è stato di alto spessore tecnico. L’artista catanese non si è risparmiato, tutt’altro, con la voce calda profonda e sensuale, accompagnato da sei valenti musicisti: il bassista Federico Malaman, Massimo Greco (piano e tastiere), Davide Florio (chitarra, percussioni e flauto), il batterista Alessandro Lugli, il sax di Marco Scipione e la tromba di Fabio Buonarota, che collaborano con lui da anni hanno infiammato e riscaldato l’arena nocese. Canzoni che hanno riscaldato cuori e fatto sognare, in quella che è stata una serata “speciale” molto apprezzata dal pubblico presente. Mario Biondi si presenta all’appuntamento con i suoi fans, tirato a lucido, con completo grigio, camicia scura ed occhiali da sole, energico e vitale  ha trasmesso emozioni indimenticabili. Dei sedici i brani eseguiti, particolarmente apprezzati  “Love is temple”, “Night Shif”, “Sunny Days”, “This what you are” Do you feel like a feel,  fino a “Rivederti” che ha concluso l’esibizione.   “Il bianco che canta come un nero”, nella definizione storica affibbiatagli dagli addetti ai lavori, ha ammaliato gli spettatori, nel corso dello show ha cercato, riuscendoci l’interazione con il suo “suo” pubblico,  con quel timbro di voce inconfondibile, caldo e graffiante.

Se non  avesse fatto il cantante,  “forse sarei stato un buon cabarettista”- ci  dice- nel nostro breve incontro scopriamo che detesta l’ignoranza,-  “ non sopporto, e non tollero la saccenza di alcuni “.

Biondi durante lo spettacolo ha anche scherzato col pubblico e rinnovato l’amore che da sempre lo lega alla Puglia,“ si mangia benissimo ed io amo tanto mangiare, siete ospitali, e tra l’altro lo dico sempre, il mio primo fans club è pugliese, fondato da una pugliese.”  Un'alchimia perfetta e complice quella che Biondi ha creato nel tempo con i pugliesi  e che anche a Noci  si è manifestato.

Archiviato in