COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Agenzia funebre Dogali: a Brescia cremazioni in aumento

Pagine Sì! SpA

Il boom di cremazioni? Oggi la volontà delle persone che desiderano questo rituale, è in costante aumento: a confermarlo è Umberto Dogali, titolare dell’agenzia funebre Dogali di Pian Camuno, operante principalmente tra la bassa Vallecamonica e l’Alto-Sebino, da oltre 20 anni punto di riferimento sul territorio. «La richiesta è in aumento, siamo quasi al 50% dei nostri servizi - spiega Dogali -. I problemi di capienza dei cimiteri, i costi cimiteriali, la problematica di gestire anche dopo anni di tumulazione i resti mortali indecomposti, contribuiscono alla crescita di tale fenomeno.

Per questo ci siamo affiliati ad Asso-crem (Associazione Bresciana per la Cremazione e Dispersione Ceneri) che consente, tramite l’iscrizione, di tutelare ed ovviare gli eventuali intralci burocratici risolvendo quelle problematiche che, se non portate a conoscenza, potrebbero vietare l’utilizzo del rito di cremazione e dell’eventuale dispersione delle ceneri in natura.

L’Autorizzazione alla cremazione e alla dispersione delle ceneri è concessa nel rispetto dei principi e delle modalità di cui alla Legge 30 marzo 2001. Tale dispersione è autorizzata: dall’Ufficiale di Stato Civile nel Comune dove è avvenuto il decesso o di residenza.

Viene rilasciata, dal Comune (decesso/residenza) tramite richiesta dei parenti aventi titolo per la cremazione, invece per la dispersione in natura (decesso), o tramite l’iscrizione all’Associazione o tramite testamento olografo redatto in vita e depositato da un Notaio.

Nel caso di resti indecomposti già tumulati, dall’Ufficiale di Stato Civile dove si trova il Cimitero.

Iscrivendosi ad Asso-crem, tramite l’Agenzia Dogali, infatti, si agevola la burocrazia necessaria al il rito della cremazione e della dispersione delle ceneri in quanto è la stessa associazione che si impegna a garantire che il diritto di scelta dei suoi soci venga garantito e rispettato, tutelandolo, anche in sede legale, sempre nel rispetto delle leggi vigenti»

Archiviato in