COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Comune di Genova

Il sindaco ha consegnato attestati ai ragazzi del Don Bosco

Ufficio stampa Comune di Genova

Comune di Genova

Questa mattina, all’Opera Don Bosco, il sindaco Marco Bucci insieme al vicesindaco Stefano Balleari e alla direttrice dei servizi civici Fernanda Gollo, ha consegnato gli attestati di partecipazione ai giovani dell'opera salesiana che hanno partecipato alle Giornate Ecologiche di Sampierdarena. Una sessantina, e di diverse nazionalità, sono stati i ragazzi dell’oratorio del Centro di Formazione Professionale e della Casa Don Bosco che hanno risposto con entusiasmo ai percorsi di cittadinanza attiva.

«È stato per me un grande piacere premiare i ragazzi che hanno lavorato come volontari compiendo un’azione bellissima – ha dichiarato il sindaco Marco Bucci -. È un esempio di come il Don Bosco stia collaborando con la nostra città e di come i giovani si sentano orgogliosi di aver dato il loro contributo, non solo per questo importante progetto ma anche per se stessi e per i cittadini. È un ulteriore passo avanti per far sì che Genova cresca con i suoi giovani che sono i cittadini del futuro».

Ha poi aggiunto don Maurizio Verlezza, direttore dell’Istituto di Sampierdarena: «Sarebbe impossibile pensare il Don Bosco senza Genova e Genova senza il Don Bosco. È dal 1872 che, per i suoi giovani e con loro, opera nella città in un eccezionale rappporto di amore reciproco».

Per valorizzare questa esperienza collettiva e coinvolgente il sindaco ha sempre voluto mandare suoi rappresentanti. Alla prima giornata hanno partecipato l’assessore al commercio Paola Bordilli con il presidente del Municipio Centro Ovest Renato Falcidia e rappresentanti della sua giunta. Nella seconda e nella terza giornata, alle quali ha sempre presenziato il vicesindaco Stefano Balleari, i ragazzi si sono concentrati nella pulizia del cimitero della Castagna e di quello degli Angeli.

Tutti gli interventi sono stati realizzati con l’assistenza di Amiu e di Aster con il coordinamento di Mario Cardillo, volontario dell’Opera Don Bosco, dei salesiani dello stesso istituto e della Protezione Civile.

Archiviato in