COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Investire nel Turismo dei Balcani, conviene davvero? Dario Pellè e l’evoluzione di un mercato vicino

Il settore turistico balcanico è in continua crescita e il numero delle presenze di turisti stranieri raddoppia ogni anno.

Il merito di questa naturale tendenza positiva è da ricercare soprattutto nella bellezza di un territorio ancora da scoprire, nei costi più bassi rispetto ad altre località e negli investimenti sempre più importanti di investitori locali e stranieri che arrivano grazie e politiche estremamente vantaggiose dei governi dell'area balcanica.

In Albania, ad esempio, è stata ridotta l'IVA su tutti i servizi turistici e gli investimenti relativi alla realizzazione di strutture alberghiere a 5 stelle godono di una totale esenzione fiscale per diversi anni.

In questo contesto è bene inserita una società albanese di proprietà italiana, Brain and Heart Sh.P.K. di Dario Pellè che da oltre 3 anni opera nel settore turistico in Albania e nei balcani.

Grazie alle condizioni estremamente favorevoli in cui si opera in Albania Brain and Heart ha la possibilità di innovare e sperimentare prodotti che tendono ad anticipare i bisogni dei turisti e a rispondere alle nuove richieste derivanti dalla naturale evoluzione del pubblico.

Il "Viaggio Indipendente" introdotto da Brain and Heart due anni fa è un nuovo format di viaggio in cui i turisti si muovono in autonomia guidati da una regia invisibile che è una vera e propria guida turistica virtuale che segue il turista da remoto ed è sempre pronta ad assisterlo. 

Il lancio di un nuovo innovativo portale dedicato alla vendita di servizi turistici è imminente con l'aspettativa di rivoluzionare il settore e svilupparsi in tutto il mondo.

Il nuovo sito si propone di fornire agli utenti un nuovo modo per prenotare ed organizzare le vacanze evitando ogni forma di intermediazione. 

Tutto per merito di un habitat ideale, a Tirana, dove le idee e le aziende trovano le condizioni ideali per crescere e innovare.

 

Photo Credit: Dario Pellè

Video Economia


Vai al sito: Who's Who