Imprese: Unioncamere E-R, calo produzione già prima Covid-19

In 4/o trimestre 2019 giù di 1,5%. Impatto virus sarà fortissimo

(ANSA) - BOLOGNA, 26 MAR - In Emilia-Romagna, già prima dell'emergenza legata alla diffusione del coronavirus, dal punto di vista economico si viveva una fase di sostanziale recessione. E' quanto emerge da un'indagine congiunturale sull'industria realizzata dalle Camere di commercio e da Unioncamere Emilia-Romagna e relativa al quarto trimestre 2019.
    Analisi in base alla quale "il volume della produzione, nell'ultimo scorcio dello scorso anno, è sceso dell'1,5%" rispetto allo stesso periodo del 2018 "e solo l'industria alimentare viveva ancora una fase di crescita".
    In base ai numeri messi in fila dalla Unioncamere regionale il fatturato a valori correnti si era ridotto dell'1,2%, mentre l'acquisizione degli ordini ha subito una flessione dell'1,3%. La crescita era proceduta in via contenuta, pari allo 0,7%, solo per l'industria alimentare. Al contrario, il sistema moda aveva registrato un calo della produzione del 5%, quello del legno e del mobile del 2,% e dell'industria metallurgica e delle lavorazioni metalliche del 2,8% mentre la produzione delle industrie meccaniche, elettriche e mezzi di trasporto era scesa dell'1,3%.
    Quanto al futuro prossimo, si legge sul sito di Unioncamere Emilia-Romagna, "l'impatto dell'emergenza da Covid-19 sarà fortissimo, probabilmente superiore a quello che l'Italia subì nel 2008, durante il peggiore anno della grande crisi finanziaria. Una stasi dell'economia che porterà a una contrazione rilevante del Pil di diversi punti e a scenari inediti e - conclude l'ente - assolutamente indecifrabili per il futuro". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie