CdC: aumenta Cyber Crime, a Bari si discute come difendersi

Dal 3/10 parte V edizione ConfSec sulla sicurezza informatica

(ANSA) - BARI, 1 OTT - Nel 2018 gli attacchi informatici con impatto significativo sono aumentati a livello globale del 38% con una media di 129 al mese; 1.552 gli eventi gravi registrati dalle nostre imprese. Ci si può difendere dal cyber crime? E come? Se ne parlerà giovedì 3 ottobre alla Camera di Commercio di Bari, nella tavola rotonda "Cyber Crime: come affrontare il fenomeno criminale in costante crescita" che apre i lavori della V edizione del ConfSec, il più importante evento sulla Sicurezza delle Informazioni del Sud Italia, che rientra nell'iniziativa ENISA del Mese Europeo sulla Sicurezza (ECSM).
    "L'incontro - spiega Alessandro Ambrosi, presidente dell'ente camerale barese - dimostra la grande sensibilità della Camera di Commercio ai temi che impattano sulla vita delle imprese ed è finalizzato a informare manager aziendali ed esperti di Ict sui pericoli del web e sulle strategie per difendere l'integrità e la disponibilità dei propri dati". L'evento è patrocinato dal Clusit e dalla Fondazione Ugo Bordoni, oltre che dalla Camera di Commercio di Bari, in collaborazione con il Punto Impresa Digitale. Nella Tavola Rotonda si illustrerà come avvengono gli attacchi moderni, come contrastarli e come l'Italia è organizzata nella lotta al Cyber Crime.
    L'argomento è di grande attualità. Di recente un decreto legge, in linea di continuità con il disegno di legge approvato nella riunione del C.d.M. del 19 luglio 2019, mira ad assicurare un livello elevato di sicurezza delle reti, dei sistemi informativi e dei servizi informatici delle amministrazioni pubbliche, nonché degli enti e degli operatori nazionali, pubblici e privati, attraverso l'istituzione di un perimetro di sicurezza nazionale cibernetica. Un focus della tavola rotonda sarà dedicato ai principali fattori di rischio per le imprese. Ad animare la discussione Franco Guida della Fondazione Ugo Bordoni, Andrea Carnimeo, della Polizia Postale; Fausto Cioffi, Autorità Garante dati personali, Raoul Chiesa, uno dei più famosi ethical hacker, coordinati da Lino Fornaro, Security consultant di Evolumia, società barese di Cyber Security.
    Cioffi, funzionario dell'Autorità Garante per la protezione dei dati personali, illustrerà inoltre come va gestito un data breach conseguente ad un attacco informatico e cosa è importante in fase di verifica dell'Autorità Garante.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni