Vola export in E-R, +4,5% nel secondo trimestre 2019

Seconda solo alla Lombardia, in crescita i mercati asiatici

(ANSA) - BOLOGNA, 12 SET - Continua il trend positivo dell'export in Emilia-Romagna: la regione, grazie al +4,5% fatto registrare nel secondo trimestre 2019, si conferma al secondo posto per valore delle esportazioni e nel primo semestre cresce del 4,7% staccando il Veneto (+1,8%) e ancora di più Lombardia e Piemonte, che invece arretrano. Un andamento positivo determinato dalla capacità di intercettare in particolare i mercati asiatici, mentre il principale contributo settoriale è venuto dall'aumento delle vendite estere dell'altra manifatturiera.
    In totale, le vendite all'estero delle imprese emiliano-romagnole sono risultate pari a 17mila milioni di euro, secondo i dati Istat, analizzati da Unioncamere Emilia-Romagna.
    L'aumento ha trainato quello nazionale che ha mostrato una tendenza positiva, ma più contenuta (+3,3%). L'Emilia-Romagna si conferma come la seconda regione per quota dell'export nazionale (13,9%), preceduta dalla Lombardia (26,8%) e seguita dal Veneto (13,5%) e dal Piemonte (10%). Il risultato regionale è da attribuire principalmente all'eccezionale aumento delle vendite estere dell'altra manifattura (+86,2%) e in seconda battuta all'industria dei mezzi di trasporto che ha ottenuto una crescita del 12,4%. Tra le destinazioni si è registrata una forte impennata sui mercati asiatici (+20,4%), mentre restano solide le tendenze positive sia sull'area europea, in particolare dell'Unione (+2,6%), sia su quella americana, con risultati più consistenti negli Stati Uniti (+4,1%). (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni