Camera commercio Riviere riduce da 6 a 3 le aziende speciali

Nominato il secondo vicepresidente e avviato il restyling

(ANSA) - GENOVA, 26 SET - La Camera di commercio Riviere di Liguria, nata lo scorso aprile, ha completato il board con l'elezione del secondo vicepresidente previsto dallo statuto, lo spezzino Davide Mazzola che si affianca all'imperiese Enrico Lupi, e al presidente savonese Luciano Pasquale. Ed è iniziata la riorganizzazione per mettere ordine nella fusione delle tre ex Camere di Savona, La Spezia e Imperia. La giunta ha dato il via libera al progetto di razionalizzazione delle aziende speciali della Camera di commercio Riviere di Liguria, che scenderanno da 6 a 3. E' prevista una fusione per incorporazione che metterà insieme le competenze e da cui nasceranno realtà con tre missioni distinte. Nel ponente, si fonderanno l'Azienda speciale Riviera dei Fiori e l'Azienda Speciale per la formazione professionale e la promozione tecnologica e commerciale nell'Azienda Speciale Promimperia che si occuperà di promozione e internazionalizzazione nei settori dell'agroalimentare, dell'ortoflorovivaismo, dell'artigianato.
    Nel levante l'Azienda Speciale Manifestazioni fieristiche e formazione imprenditoriale La Spezia si fonderà nell'Azienda Speciale La Spezia Euroinformazione Promozione e Sviluppo (La Spezia EPS) che si occuperà di funzioni promozionali e di internazionalizzazione della filiera dell'economia del mare. La terza Azienda speciale della Camera di commercio sarà il Centro di sperimentazione e assistenza agricola (CeRSAA), con sede ad Albenga, che continuerà a svolgere le proprie attività di ricerca e sperimentazione in ogni settore dell'agricoltura e della zootecnica, nonché di formazione e aggiornamento professionale per gli operatori agricoli

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni