Scheda di sintesi MiSE su start up innovative

del 4 febbraio 2016

Responsabilità editoriale di eDotto

Il MiSE illustra le misure introdotte negli ultimi anni per promuovere la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l’occupazione delle start up innovative nella Scheda di sintesi del 4 febbraio 2016. Le misure, che si applicano alle start up innovative per 5 anni dalla loro data di costituzione sono:

1. costituzione mediante modello standard tipizzato con firma digitale;

2. esonero da diritti camerali e imposte di bollo;

3. deroghe alla disciplina societaria ordinaria (le deroghe più significative sono previste per le startup innovative costituite in forma di s.r.l.);

4. facilitazioni nel ripianamento delle perdite;

5. inapplicabilità della disciplina sulle società di comodo;

6. esonero dall'obbligo di apposizione del visto di conformità per compensazione dei crediti Iva;

7. disciplina del lavoro apposita (sono previste varianti specifiche alla disciplina dei contratti a tempo determinato ex D.Lgs. 81/2015);

8. facoltà di remunerare il personale in modo flessibile;

9. remunerazione attraverso strumenti di partecipazione al capitale (piani di incentivazione in equity);

10. credito d'imposta per l'assunzione di personale altamente qualificato;

11. incentivi fiscali per investimenti in start up innovative provenienti da persone fisiche (detrazione Irpef del 19% dell'investimento) e giuridiche (deduzione dall'imponibile Ires del 20% dell'investimento) per gli anni 2013, 2014, 2015 e 2016;

12. introduzione dell'equity crowdfunding;

13. intervento semplificato, gratuito e diretto per le start up innovative al Fondo di garanzia per le Pmi;

14. sostegno ad hoc nel processo di internazionalizzazione da parte dell'Ice;

15. fail-fast (procedure per rendere più rapido e meno gravoso il processo che si avvia nel caso in cui la start up non decolli).

Responsabilità editoriale di eDotto

Vai al sito: ANSA Professioni